Citi sostiene i consumatori americani

A
A
A
Avatar di Marcella Persola 3 Febbraio 2009 | 15:17
Citi studia come supportare i consumi e i debiti dei consumatori americani e non solo. Ha deciso di destinare i 45 miliardi ricevuti dai fondi del programma TARP a sostenere il mercato dei capitali e rinvigorire l’economica USA.

Mentre giunge la notizia che gli americani hanno deciso di non spendere più, arriva un’iniziativa targata Citi. Il colosso americano ha annunciato come intende dispiegare i circa 45 miliardi di dollari ricevuti in fondi nell’ambito dell’iniziativa promossa dal TARP (Troubled Asset Relief Program).

L’idea espressa dal ceo di Citi Vikram Pandit è quella di aiutare la disponibilità di credito sia per i consumatori, sia per gli uomini d’affari e rendere liquidi e stabili il mercato dei capitali e supportare l’economia americana. Il report intitolato “What Citi is Doing to Expand the Flow of Credit, Support Homeowners and Help the U.S. Economy” descrive nel dettaglio la procedura che Citi intende attuare.

In particolare a uno primo stadio le 5 aree maggiormente coinvolte saranno: mortgage, prestiti personali e prestiti ai studenti ai quali saranno dispiegati rispettivamente 25,7 miliardi, 2,5 miliardi e 1 miliardo di dollari. Inoltre saranno concessi 5,8 miliardi per le carte di credito e 1,5 miliardi per i prestiti corporate.

Vikram Pandit ceo di Citi ha detto: «Gli americani stanno affrontando diverse avversità e come Citi dobbiamo fare qualsiasi cosa per aiutarli. La nostra responsabilità è lavorare velocemente, prudentemente e in modo trasparente a sostegno dei consumatori americani». «Citi sta collaborando con il Governo» ha aggiunto il ceo «abbiamo già approvato 36,5 miliardi in iniziative del TARP».

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Private banking, la carica degli stranieri

Citi sceglie un veterano per il private asiatico

Brexit a private banking, Citi prepara il trasloco a Madrid

NEWSLETTER
Iscriviti
X