Manager in fuga da Wall Street

A
A
A
di Marco Mairate 20 Febbraio 2009 | 10:59
Prosegue la fuga di top manager dalla grandi società finanziarie di WS. Quello che un tempo sembrava il lavoro preferito da tutti i ragazzini usciti da Harvard oggi è l’incubo di ogni americano.

Jon Winkelried, il co-COO of Goldman Sachs e uno degli uomini più pagati di Wall Street, ha annunciato il suo ritiro dalle scene entro la fine di marzo.

L’addio di  Winkelried (nella foto durante una festa a tema reggae) lascia molti punti in sospeso e c’è chi si chiede il motivo di una tale decisione. A provare a dare una risposta è il Times che spiega come la scelta del top manager sarebbe legata a motivi personali. E c’è da credergli visto quello che succede in  Borsa negli ultimi tempi.

Ma non è solo Goldman Sachs a risentire della crisi. Anche Citigroup subisce il colpo e perde il numero uno della divisione di private banking in Usa e Canada.

John Longley ha annunciato così di voler lasciare il gruppo guidato da Vikram Pandit per unirsi ad un altro gruppo finanziario, Barclays. Qui Longley entrerà a far parte del team di iShares, divisione Etf di Barclays Global Investors, e diregerà le attività di questi prodotti per il mercato statunitense.

Il posto di Longley a Citigroup verrà sostituito immediatamente da Richard Ditizio e Mark Connolly che servirà come co-chief executives di Citi Private Bank per  Usa e Canada.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dollaro: per Citigroup scenderà del 20% nel 2021

Jane Fraser, prima donna a guidare un colosso bancario a Wall Street

Polonia, la Cina d’Europa

NEWSLETTER
Iscriviti
X