Assicurazioni – Groupama cresce la raccolta ma cala l'utile

A
A
A
di Marcella Persola 24 Febbraio 2009 | 15:46
Il gruppo francese Groupama chiude il 2008 con un risultato netto in calo del 56,9% a 342 milioni, ma progredisce la raccolta premi spinta grazie agli sviluppo del piano internazionale.

Le difficoltà del settore assicurativo toccano anche il mercato francese. Il gruppo Groupama ha registrato nel 2008 una crescita del 9,2% del suo giro d’affari, che sale a 16,2 miliardi ma ha chiuso con un utile in calo del 56,9%.

L’utile di gruppo infatti è crollato a 342 milioni. I risultati del gruppo assicurativo francese sono stati appesantiti dalla crisi finanziaria ma anche dalle minori plusvalenze registrate rispetto all’anno precedente. In aumento comunque sia la raccolta premi (+9,2% a 16,2 miliardi di euro), spinta dalle attività internazionali, sia il risultato operativo (+66% a 661 milioni).In Francia, in particolare il gruppo ha realizzato buone performance nell’assicurazione di persone: +2,3% contro una media di mercato in calo dell’8,7%. Inoltre il risultato economico operativo (661 mln €) cresce del 66%.

Per il direttore generale i dati testimoniato i buoni fondamenti del gruppo. «In un momento così difficile la forte crescita delle nostre attività, in progresso del 50%, nonché la buona performance e la buona resistenza dei risultati netti testimonia la capacità del nostro gruppo di progredire anche in periodo di turbolenza» ha dichiarato il direttore generale Jean Azéma. «In questo contesto difficile restiamo concentrati sui nostri obiettivi».
Infatti la forte crescita dell’attività è dovuta soprattutto al piano di sviluppo e all’innovazione costante della società che ha riguardato soprattutto la Francia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, assicurazioni europee: ecco le top picks di JP Morgan

Generali si affaccia sul dossier di CF Assicurazioni

Assicurazioni nel mirino del fisco, inchiesta a Milano

NEWSLETTER
Iscriviti
X