Banche – Fortis Bank, 28 mld di perdita nel 2008

A
A
A
di Fabio Coco 1 Aprile 2009 | 08:40
Chiude male il 2008 Fortis Holding. Hanno pesato sul bilancio le cessioni delle attività bancarie ai governi belga ed olandese. Nel frattempo, parte del Gruppo dovrebbe esser ceduto a Bnp Paribas.

Approvato ieri dal cda, il bilancio annuale 2008 di Fortis Bank. I profitti netti derivanti dall’attività assicurativa belga ammontano a 6 milioni di euro, compreso l’impatto negativo dato dagli investimenti di portafoglio pari a 639 milioni. La divisione assicurativa belga è stato il punto forte della Banca: gli incassi lordi totali sono stati pari a 6,3 miliardi di euro, nonostante le perdite sulle negoziazioni di portafoglio dovute a vendite o diminuzioni di valore.

Considerando in generale il Gruppo, però, Fortis Holding ha chiuso il 2008 con un passivo di 28 miliardi di euro (mentre nel 2007 l’utile era stato di 4 miliardi), distribuiti tra i 27,4 miliardi di perdite su operazioni “discontinue” e 0,6 mld di perdite causate dalla divisione General.

Per operazioni “discontinue” si intendono la vendita di attività bancarie al governo belga risultate in perdita per 29,4 mld nel 2008 ed alla vendita di attività assicurative olandesi dalle quali si è ricavato un profitto pari a 2 mld. La perdita netta di General di 629 milioni di euro, invece, è dovuta ai carichi di interesse netti a livello di holding ed alle perdite pari a 295 milioni sulle transazioni in valuta.

Come si può leggere dal comunicato stampa di Fortis Bank, l’a.d. Karel De Boeck ha dichiarato: “I risultati operativi delle nostre divisioni assicurativi sono stati soddisfacenti, considerando le turbolenze dei mercati e l’incertezza che Fortis ha dovuto affrontare. Gli afflussi lordi complessivi sono stati di 14,6 miliardi nonostante le mutevoli condizioni di mercato. I coefficienti di solvibilità rimangono forti. E’ importante rivolgersi ora al futuro. Il nuovo posizionamento fornirà valide basi per il futuro. Questo significherà rivedere le varie operazioni disponibili per assicurare che il capitale sia effettivamente ben impiegato, così come bisognerà conseguire una crescita organica, acquisizioni e ritorno di capitale agli azionisti”.

In termini di capitale, nel 2008 il “core equity” è stato di 7,9 mld di euro, i rapporti di solvibilità sulle attività assicurative sono stati pari al 202% e l’equity netto tangibile ha ammontato a 6 mld di euro.

Se l’8 ed il 9 Aprile sarà approvato dall’assemblea di Fortis Bank, l’equity degli azionisti pro-forma dovrebbe esser pari a 7,5 mld di euro.

Nel frattempo il governo belga, che ormai possiede quasi il 100% di Fortis, sembra stia per ricollocare il capitale del gruppo a Bnp Paribas al 75%, compresi il 25% delle attività assicurative di Fortis Assurance Belgique.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, Bnp Paribas quota tre nuovi prodotti Esg a Piaza Affari

Consulente prendi nota: ecco cosa vogliono gli investitori

Certificati, da Bnp Paribas una nuova serie di Memory Cash Collect

NEWSLETTER
Iscriviti
X