Ipb, crolla la raccolta netta ma punta a raddoppiare la rete

A
A
A
di Marcella Persola 10 Aprile 2009 | 14:23
La rete del Gruppo Veneto Banca ha perso decisamente terreno sulla raccolta netta, ma non intende cedere sul potenziamento della gruppo.

Con un passaggio da 3,394 milioni a 300.900 euro la raccolta netta della rete Intra Private Bank (gruppo Veneto Banca) crolla decisamente nel mese di febbraio. A livello di gestito il flusso nel mese di febbraio è stato pari a 7,517 milioni con il comparto sicav e fondi che raccoglie 1,668 milioni. A registrare un flusso negativo è soprattutto il segmento ammnistrato che nel mese di febbraio segna un deflusso pari a 7,216 milioni con la sezione Titoli a -9,420 milioni.

Nel mese di gennaio invece il gestito ha totalizzato 35 migliaia di euro, con 457,9 migliaia di euro sul fronte sicav e fondi. Mentre il segmento amministrato aveva registrato un flusso positivo con 3,359 milioni con una liquidità che aveva generato un flusso di 17,212 milioni. A perdere terreno è soprattutto sono le gpf che nel mese di gennaio era stato pari a -2,697 milioni, mentre nel mese di febbraio il flusso è negativo per -1,104 milioni.

La rete non ha subito particolari deflussi in quanto è passata da 123 a 121 pf, ma i progetti di sviluppo sono ambiziosi. L’obiettivo è di raddoppiare il numero di private entro il 2010. Per il momento la rete ha annunciato l’ingresso di due nuovi branch directional manager, ossia Paolo Rituale e Mario Solinas. Due professionisti dalla lunga esperienza nell’ambito della promozione finanziario, cresciuti in Xelion Banca.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X