Banche – L'utile di JPMorgan traina i mercati

A
A
A
di Fabio Coco 17 Aprile 2009 | 15:45
2,1 i miliardi di dollari per JPMorgan nel primo trimestre 2009, con un utile per azione superiore alle attese di mercato, pari a 0,40 dollari. Jamie Dimon, l’a.d. della Banca, dichiara che restituirà i prestiti elargiti dal governo, all’interno del piano Tarp.

JPMorgan Chase & Co. ha chiuso il primo trimestre 2009, un reddito netto di 2,1 miliardi di dollari; sono stati 2,4 nello stesso periodo del 2008, come si legge dalla breve comunicazione del Gruppo. Gli utili per azione, invece, sono stati pari a 0,40 dollari, un calo rispetto agli 0,67 dollari del primo trimestre 2008. Questo utile, ad ogni modo, è superiore alle attese del mercato, che pronosticavano un Earning per share di 0,30 dollari, come sostiene Reuters. I ricavi hanno raggiunto il livello record di 26,9 miliardi in questo intervallo temporale, mentre, a fine marzo, il coefficiente patrimoniale Tier 1 è stato dell’11,3%.

Dopo la diffusione di ieri di tali risultati, il titolo di JPMorgan, inizialmente debole, ha spiccato il volo. Al momento, il titolo è quotato intorno ai 33,34 dollari, con una variazione positiva ulteriore rispetto al buon rialzo di ieri, pari al +2%. Il titolo ieri aveva trainato gli indici Nasdaq (+2,68%) e S&P 500 (ieri +1,55%), mentre il Dow Jones è rimasto rallentato dai rendimenti sui titoli energetici. Anche Piazza Affari ha reagito positivamente ai dati superiori alle attese, diffusi da JpMorgan; ad ora di pranzo, difatti, l’indice S&P/Mib aveva guadagnato l’1,46%. Le banche, così, fungono da traino per i mercati internazionali: due giorni fa avevano seguito Goldman Sachs, poi Ubi, ieri in rialzo nella scia di JPMorgan.

Secondo quanto riportato da Reuters, l’a.d. della Banca [p]Jamie Dimon[/p], ha dichiarato che i 25 miliardi di dollari di fondi ottenuti dal programma del governo Tarp (Troubled Asset Relief Program), potrebbero esser presto ripagati (come ha intenzione di fare Goldman Sachs), ma che JPMorgan sta aspettando indicazioni dal governo.

“Ci piacerebbe ripagarlo non appena fosse prudente farlo. Potremmo ripagarlo domani, abbiamo i soldi”, ha detto Dimon, aggiungendo che la banca potrebbe anche raccogliere mezzi freschi se lo volesse.

La banca statunitense, inoltre, ha annunciato di aver acquistato nel trimestre quasi 34 miliardi di titoli ‘mortgage-backed’ e ‘asset-backed’.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: i target di Goldman Sachs su indici azionari, valute e commodity

Certificati, da Goldman Sachs quattro nuovi prodotti tematici

Etf, Goldman Sachs vuole lanciare negli Usa uno strumento sulla DeFi

NEWSLETTER
Iscriviti
X