Liquidità e titoli sostengono la raccolta di FinecoBank

A
A
A
di Marcella Persola 30 Aprile 2009 | 14:22
Con un passaggio da 50,563 a -43,689 milioni la raccolta netta del gruppo guidato da Alessando Foti ha perso molto terreno. Ma nel trimestre il risultato resta positivo e la rete saluta l’ingresso di Cloza, l’autore di Banca Bassotti.

Nel mese di marzo la rete guidata dall’a.d. Alessandro Foti ha registrato deflussi per 43,689 milioni con un deflusso nel comparto del gestito pari a 60,688 milioni e il comparto amministrato con una raccolta pari a 16,999 milioni.

La rete composta da 2640 promotori finanziari è stata molto attiva sul fronte liquidità con una raccolta netta di 47,875 milioni. Nel mese di febbraio, invece, la raccolta era stata positiva con 57,612 milioni ma spinta dal segmento amministrato che aveva generato un flusso di 80,735 milioni contro il deflusso di 23,123 milioni del gestito. Anche nel mese di febbraio la rete del gruppo Unicredit aveva spinto sulla liquidità con una raccolta di 111,261 milioni.

Se andiamo a vedere nel trimestre notiamo che la raccolta netta è positiva (50,563 milioni) e sempre grazie al segmento amministrato che ha generato un flusso di 149,625 milioni ma derivanti soprattutto dal comparto titoli (107,249 milioni contro i 42,376 milioni della liquidità). In negativo invece il segmento gestito (-99,061 milioni) con solo il comparto fondi e sicav in nero (1,132 milioni).

A livello di rete tra il mese di febbraio e quello di marzo la rete ha visto l’uscita di 7 promotori finanziari, tra cui Sandro Tasciotti e Massimo Caldaia, che sono passati a Sanpaolo Invest, e Alessandrio Jorio e Catello De Martino che sono approdati al Credem. Ma sono anche arrivati dei nuovi professionisti, tra i quali anche Giuseppe Cloza, famoso nel settore per aver raccontato le vicissitudini del mondo bancario nel libro “Banca Bassotti”.

E recentemente in merito al reclutamento la società aveva affermato che la loro attenzione era rivolta a creare le condizioni di sostenibilità nella professione. E che l’evoluzione della professione deve passare attraverso la crescita professioneale. E che lo sforzo del gruppo è rivolto a creare le condizioni per poter esercitare una consulenza indipendente già con il mandato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bonus ai consulenti, i magnifici 10 di Fineco

Fineco sfiora i 6 miliardi

Consulenti Fineco, quanti clienti in condivisione

NEWSLETTER
Iscriviti
X