Banca Sara, migliora la raccolta. Crescono i fondi, non le gpf

A
A
A
di Marcella Persola 12 Maggio 2009 | 14:44
Con un flusso di 31,170 milioni la rete guidata da Marco Riva giunge al sesto posto della classifica mensile di Assoreti. E anche a livello di pf il saldo è positivo con tre nuove unità.

Con 422 promotori finanziari Banca Sara PFS si posiziona al sesto posto della classifica mensile di Assoreti. La rete guidata da Marco Riva ha generato nel mese di marzo una raccolta netta pari a 31,170 milioni in netto miglioramento rispetto ai 1,546 milioni del mese di febbraio.

Nel mese considerato il flusso maggiore è derivato dal segmento amministrato (37,154 milioni di raccolta) rispetto al gestito (-5,983 milioni). In quest’ultimo segmento i fondi e sicav generano un flusso di 7,876 milioni mentre le gpf presentano una raccolta negativa pari a -15,409 milioni. Rispetto al mese di febbraio inoltre migliorano le gpm passate da -332, 2 migliaia di euro a +1,230 milioni e calano gli assicurativi (da 2,953 milioni di febbraio ai 343, 6 migliaia di marzo).

Nel trimestre invece la raccolta totale è pari a 21,252 milioni. Soffre il gestito che presenta una raccolta negativa di 19,517 milioni mentre l’amministrato presenta un flusso di 40,770 milioni. Nei due rispettivi segmenti si contraddistinguono fondi e sicav nel gestito che ha generato un flusso di 28,277 milioni e nell’amministrato i titoli che hanno generato un flusso di 33,794 milioni.

A livello di promotori il saldo è positivo in quanto la rete è aumentata di tre unità. Con molta probabilità il piano di stabilizzazione sta dando i suoi frutti. Il piano come ci hanno spiegato da Banca Sara è finalizzato a fornire un supporto economico stabile, per tutto il 2009, ai promotori finanziari della banca, al fine di agevolare l’attività in quello che si presenta come un anno difficile per le reti di promotori. In pratica si presenta sotto formula di anticipo provvigionale, il cui importo è basato sulle commissioni erogate nel 2007. Nella fattispecie le commissioni di management del 2009 saranno sostituite da un anticipo provvigionale di importo pari alle commissioni di management incamerate dal promotore nell’anno 2007. Questo tipo di supporto viene proposto per fornire una stabilità di remunerazione ai promotori, anche se presenta un vincolo. Ossia un impegno a rimanere nella struttura per 36 mesi. In caso contrario il promotore dovrà restituire quanto avuto a titolo di anticipazione e non coperto dalle commissioni. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, una raccolta monstre ad agosto. Testa a testa Intesa-Generali

Widiba, colpo da Fideuram per la rete

Fideuram, acquisizione lussemburghese per il private

NEWSLETTER
Iscriviti
X