SIM di consulenza, al via un tavolo di lavoro

A
A
A
di Redazione 26 Maggio 2009 | 10:45
Diciotto società di consulenza finanziaria hanno approvato un protocollo di intesa che prevede la costituzione di un tavolo di lavoro volto, tra le altre cose, a individuare regole di autodisciplina e ad aprire un confronto diretto e costruttivo con le Autorità.

L’albo dei consulenti stenta a decollare. I decreti per la nascita dell’Organismo di categoria sono nuovamente finiti nel dimenticatoio, ma il settore continua a dimostrare un elevato dinamismo. E così, mentre dall’alto non giungono le regole tanto attese, le iniziative di “auto-disciplina” partono dagli operatori stessi. Diciotto SIM di consulenza, 15 già autorizzate dalla Consob all’esercizio di consulenza, senza detenzione neppure temporanea di liquidità dei clienti, 3 in attesa di autorizzazione hanno approvato un protocollo di intesa che prevede la costituzione di un tavolo di lavoro.

“Il Tavolo si costituisce come luogo di studio e discussione per affrontare in modo sistematico i temi più rilevanti della consulenza finanziaria che saranno determinati in esito al confronto democratico tra i diversi partecipanti, per elaborare proposte e soluzioni condivise e per supportare iniziative di confronto con le Autorità competenti, nonché attività di formazione, informazione e comunicazione, anche coordinate con istituzioni, sia pubbliche che private” chiarisce Massimo Scolari, il Rappresentante del Tavolo di Lavoro delle Sim di Consulenza.

In particolare le Sim aderenti condividono 5 fondamentali punti: (1) considerano la professionalità, l’indipendenza e l’autonomia i valori fondamentali dell’attività di consulenza in materia di investimenti finanziari; (2) sottolineano l’importanza di mantenere una idonea e adeguata struttura dei controlli sull’attività di consulenza da parte delle Autorità, a salvaguardia degli interessi dei clienti e a tutela dell’immagine del settore; (3) ritengono sia auspicabile che i regolamenti attuativi della Consob definiscano chiaramente un contesto normativo e regolamentare omogeneo, coerente ed unico per tutti i soggetti che operano nel settore della consulenza, prescindendo dalla figura giuridica prescelta; (4) concordano sulla necessità di avviare un confronto con le Autorità di Vigilanza al fine di razionalizzare e codificare il sistema degli obblighi di carattere amministrativo, tenendo conto che essi si rivolgono a società di consulenza che non detengono, neppure temporaneamente, la liquidità dei clienti; (5) ritengono prioritario l’impegno su temi essenziali quali, a titolo di esempio: il ruolo economico, sociale ed etico dell’attività di consulenza finanziaria e la comunicazione del valore che esprime, la formazione di professionalità adeguate, il supporto alle istituzioni per interventi normativi efficaci ed efficienti, il consolidamento del sistema italiano nel panorama internazionale.

Nei prossimi giorni, su Bluerating.com, conosceremo nel dettaglio le caratteristiche delle 18 SIM aderenti al tavolo di lavoro
: Abs Consulting Sim; Advin Partners Sim; Ambrosetti Asset Management Sim; Be Cube Sim; Diaman Sim; Financial Innovations Sim; Finlabo Sim; Galileo Finance Sim; Global Wealth Advisory Sim; Investitori Associati Consulenza Sim; Jc Associati Sim (in attesa di autorizzazione); J. Lamarck Sim; Maxos Sim; Mfo Multi Family Office Sim; Private Consulting Sim (in attesa di autorizzazione); Prometeia Advisor Sim; Tosetti Value Sim e 81 Sim Family Office (in attesa di autorizzazione).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Scolari (Ascosim): “Ecco quanto costa essere indipendenti”

Scf, pronto il documento per l’iscrizione all’Albo OCF

Consulenza, l’analisi costi benefici degli switch di portafoglio

NEWSLETTER
Iscriviti
X