Crolla il Pil dell'Europa. Record negativo dalla nascita dell'euro

A
A
A
di Redazione 3 Giugno 2009 | 10:06
Nei primi tre mesi dell’anno il dato sulla ricchezza prodotta in Europa registra un record negativo. Il dato peggiore lo registra la Germania, seguita da Austria e Olanda. Su base annua il pil crolla del 4,8%.

Record negativo per il pil europeo. Il dato sulla ricchezza prodotta in Europa è crollato nei primi tre mesi dell’anno del 2,5% rispetto all’ultimo trimestre del 2008. E’ il dato peggiora dalla nascita della zona euro.

La flessione del pil su base annua, rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, è stata del 4,8% nella zona euro, e del 4,5% nell’Unione a 27.

Il dato peggiore riguarda la Germania (-3,8% rispetto all’ultimo trimestre del 2008), seguita da Austria ed Olanda (-2,8%). L’Italia ha invece registrato una flessione del 2,4% trimestre su trimestre, e del 5,9% su base annua.

Secondo quanto indicato nel rapporto Eurostat (in allegato una sintesi in inglese) a pesare di più è stato il calo dello 0,5% nella spesa delle famiglie per i consumi, ma soprattutto un calo del 4,2% degli investimenti, dell’8,1% dell’export e del 7,2% delle importazioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: i nodi verranno al pettine nel secondo trimestre

Investimenti: come affontare al meglio l’era dell’instabilità

Reti: ecco chi è stato più resiliente alla crisi ucraina

NEWSLETTER
Iscriviti
X