I 7 criteri da seguire nella scelta dell’investimento

A
A
A
di Redazione 22 Giugno 2009 | 12:02
Ogni forma di investimento si può, e si deve, valutare sulla base di alcuni principi fondamentali e cioè: la sicurezza, la liquidabilità, il tempo, la redditività, la protezione dall’inflazione, la diversificazione e il rischio.

Ovviamente, ogni investitore è interessato ad avere il miglior risultato per ognuno di questi criteri. In parole povere, ciò significa che ogni investitore vorrebbe, sempre e per sempre, “la botte piena e la moglie ubriaca”. Bene.

Toglitelo dalla testa!

Alti interessi e crescita del capitale, sicurezza nel rimborso, certezza di liquidabilità dell’investimento in qualsiasi momento e ottimale copertura dall’inflazione costituiscono il “mix” dell’investimento “ideale”, ciò che ognuno vorrebbe come “minimo”. Rassegnati al fatto che ben difficilmente uno stesso prodotto finanziario potrà soddisfare contemporaneamente tutti questi criteri in misura ottimale e, quindi, all’atto della scelta di un prodotto, è meglio se ti poni alcune domande fondamentali che, sfortunatamente, finiscono per privilegiare alcuni criteri a scapito di altri. Così è la vita.

Sicurezza significa mantenimento nel tempo del capitale investito (in altre parole, rivedere indietro i soldi) e può considerarsi come l’obiettivo principale di qualsiasi investimento. La sicurezza di un investimento è legata ai rischi ai quali lo stesso investimento è soggetto. Esempi di rischio sono la solidità finanziaria di chi ha emesso il titolo, il rischio della valuta in cui è espresso il titolo, la stabilità economica e politica dello Stato emittente, eccetera. Oggi più che mai, questo è un valore fondamentale. Non ci sono più certezze. Le obbligazioni, per esempio, considerate fino a ieri così sicure, oggi non lo sono più. Basta chiedere ai clienti che hanno acquistato obbligazioni e prodotti strutturati legati a Lehman e i suoi fratelli. Quindi, le performance sono sicuramente un valore ma, prima di tutto, è necessario investire in strumenti che ti diano la ragionevole certezza di rivedere i tuoi soldi (nulla è scontato).

Tutti i giorni su Bluerating.com sarà possibile leggere “a puntate” il vademecum blu “Io non ci casco più!”. Lunedì 8 giugno è partita anche la newsletter mensile gratuita di educazione finanziaria “Io non ci casco più! News”, che sarà veicolata dal sito www.iononcicascopiu.it e avrà carattere informativo e divulgativo.
 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: cosa ha insegnato il 2016 e il vademecum per il 2017

La scuderia Risparmio Gestito

La scuderia Stato Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X