La Pianificazione Previdenziale: le nove regole

A
A
A
di Redazione 20 Luglio 2009 | 12:00
Ecco i principi base per impostare una corretta Pianificazione Previdenziale. Chi prima arriva…

Le nove regole per impostare una corretta Pianificazione Previdenziale
• Avere vivo il desiderio di vivere una vecchiaia serena. Gli anziani hanno ormai cambiato la propria identità sociale: sono figure che godono di discreta salute, voglia di consumare, viaggiare, fare progetti.
• Verifico e quantifico il mio tenore di vita in attività di lavoro. L’analisi di tutte le forme di reddito, considerando anche le attese sulla relativa durata ed evoluzione, è fondamentale per determinare la principale fonte di risorse che contribuirà al perseguimento del mio obiettivo previdenziale.
• Prima comincio a pianificare la mia pensione, meno sacrifici dovrò fare. Se comincio ad accumulare a 50 anni, dovrò accantonare ogni mese fino a 20 volte quanto avrei dovuto risparmiare se fossi partito a 30 anni per raggiungere lo stesso risultato.
• Più tardi smetterò di lavorare, meno bisogno avrò di integrare la pensione. Infatti, se andrò in pensione a 60 anni invece che a 65, dovrò risparmiare fino a cinque volte tanto se vorrò integrarla.
• Verifico e quantifico il tenore di vita atteso nella terza età. Valuto in modo razionale quelli che saranno le necessità e i desideri futuri.
• Valuto e quantifico la pensione attesa per la vecchiaia, con estrema cautela, e quantifico in modo realistico il gap (quanto manca) previdenziale. È importante rivolgersi al proprio consulente finanziario di fiducia per sottoporsi a un check up finalizzato a determinare, se esiste, il gap previdenziale. Si deve disporre di stime correnti con l’evoluzione attesa della carriera in genere e con il valore effettivo dei contributi accreditati. La differenza tra pensione e tenore di vita è solitamente in un ordine di grandezza inferiore alla stessa pensione.
• Scelgo gli strumenti finanziari ottimali rispetto alle mie rispetto alle mie esigenze.
• Adeguo il mio stile di vita alle esigenze di investimento previdenziale. Se dal check up è emerso un gap importante, è necessario intervenire immediatamente. La quota di risparmio da destinare alla costruzione della pensione futura dovrà impormi sacrifici e rinunce che un giorno saranno ricompensate. è necessario intervenire immediatamente. La quota di risparmio da destinare alla costruzione della pensione futura dovrà impormi
• Dovrò essere sempre coerente con le decisioni comportamentali assunte e verificherò periodicamente il rispetto delle precedenti condizioni. La disciplina e la costanza sono il segreto per arrivare alla fine del piano con i risultati raggiunti. Gli strumenti che formano la previdenza complementare sono: i fondi pensione chiusi (detti anche fondi pensione negoziali o fondi pensione ad ambito definito), i Fondi pensione aperti e i Pip.

Il vantaggio fiscale
I contributi versati alle forme di previdenza complementare, escluso il Tfr, sono interamente deducibili dal reddito Irpef fino a un massimo di 5.164,57 euro. Ne deriva per l’aderente un risparmio fiscale che varia in funzione del livello del reddito.

Della pianificazione assicurativa, immobiliare, successoria e fiscale parleremo in un prossimo Vademecum Blu (forse).

Tutti i giorni su Bluerating.com sarà possibile leggere “a puntate” il vademecum blu “Io non ci casco più!”. Lunedì 8 giugno è partita anche la newsletter mensile gratuita di educazione finanziaria “Io non ci casco più! News”, che sarà veicolata dal sito www.iononcicascopiu.it e avrà carattere informativo e divulgativo.
 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Se non sei ancora convinto… ti resta l’Oroscopo!

Gli errori di base da evitare

MiFIDo di te

NEWSLETTER
Iscriviti
X