Lo strano caso del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde: un’anima divisa in due

A
A
A
di Redazione 29 Luglio 2009 | 12:00
Tra le leggi elementari che reggono i mercati finanziari, una afferma che rendimenti e rischi sono fra loro strettamente correlati: per poter guadagnare di più si deve anche essere disposti a poter perdere, soprattutto nel breve periodo.

Si pensi all’investimento azionario: nel lungo termine ha sempre offerto rendimenti superiori alle obbligazioni, ma associati a oscillazioni dei prezzi, cioè a un rischio più elevato.

Il futuro non è mai il prolungamento lineare del passato
. Pertanto, l’analisi dell’andamento storico dei mercati finanziari non serve per trarre previsioni sul loro andamento futuro, ma può essere utile per comprendere le dinamiche e le leggi fondamentali. Il passato suggerisce che è possibile investire in azioni con la ragionevole certezza di guadagnare solo a patto di mantenere l’investimento per un tempo lungo, sufficientemente lungo. Ci possono anche essere periodi abbastanza lunghi in cui questo è meno vero… ed è proprio dopo questi periodi che è ancora più conveniente investire.

E per gestire i momenti difficili, che prima o poi arrivano sempre, è necessario saper controllare l’ansia e la paura che inevitabilmente assalgono tutti.

Il 2008, fino a oggi (metà novembre), è un anno eccezionale, come evidenzia il grafico in basso, che prende in considerazione i rendimenti annui dell’indice americano Standard & Poor’s 500 (indice rappresentativo delle maggiori 500 aziende americane per dimensioni) dal 1825 al 2007. Come si vede, il 2008 è l’anno peggiore di questo lunghissimo periodo.

È consuetudine affermare che ogni aspettativa di rendimento è associata a un rischio: in teoria, siamo tutti d’accordo e razionalmente consapevoli che questo è vero.
Rendimenti elevati ed anormali in poco tempo e perdite improvvise e inspiegabili rappresentano i due volti della volatilità, mentre il rendimento ha una sola regola: la pazienza.
Nella pratica, ci comportiamo come se nel nostro cervello abitassero due persone diverse: un interruttore nascosto tra i neuroni trasforma il Dr. Jekyll in Mr. Hyde.

Il Dr. Jekyll sa, infatti, che la volatilità è normale e che i mercati azionari, nel breve periodo, non vanno presi i mercati azionari, nel breve periodo, non vanno presi troppo sul serio, né quando “spingono” (cioè salgono molto), né quando “si ritraggono” (cioè scendono molto).
Ma Mr. Hyde, sempre in agguato, si eccita di fronte ai guadagni eccezionali e pecca di lucidità davanti alle perdite:
un’incredibile trasformazione avviene in un’incredibile trasformazione avviene in condizioni di stress.

Tutti i giorni su Bluerating.com sarà possibile leggere “a puntate” il vademecum blu “Io non ci casco più!”. Lunedì 8 giugno è partita anche la newsletter mensile gratuita di educazione finanziaria “Io non ci casco più! News”, che sarà veicolata dal sito www.iononcicascopiu.it e avrà carattere informativo e divulgativo.
 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Se non sei ancora convinto… ti resta l’Oroscopo!

Gli errori di base da evitare

MiFIDo di te

NEWSLETTER
Iscriviti
X