Trimestrali: banche USA sopra le attese, al palo Morgan Stanley

A
A
A
Avatar di Fabio Coco 23 Luglio 2009 | 09:20
Si chiude il secondo giro di trimestrali, con risultati inaspettati, soprattutto in riferimento alla crisi dei mercati finanziari e creditizi. Meglio del previsto Goldman Sachs e JP Morgan, bene anche Wells Fargo e Bank of America, seppur ancora con alcune sofferenze in bilancio da registrare; delude solo Morgan Stanley, che sconta la restituzione delle risorse ricevute dal governo attraverso il programma TARP. Si tratta del terzo trimestre in rosso consecutivo.

Le principali banche americane chiudono il secondo trimestre con risultati sorprendenti, ad eccezione di una. 

Buone notizie per [s]Goldman Sachs[/s], che chiude le seconde [a]trimestrali[/a] con risultati sopra le attese. Rispetto all’analogo periodo del 2008, la banca americana ha riportato utili in aumento del 33%, a quota 2,7 miliardi di dollari, ossia utili per azione pari a 4,93 dollari. La trimestrale va oltre le previsioni degli analisti, con ricavi pari a 13,8 miliardi di dollari, contro i circa 11,2 attesi.  In buona salute si dimostra essere anche JP Morgan, con numeri nuovamente sopra le attese. Gli utili netti schizzano a 2,72 miliardi di dollari, in rialzo del 36% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Anche i ricavi sono aumentati in maniera decisa, arrivando a quota 27,7 miliardi di dollari. Le attese del mercato si erano fermate a delle aspettative di una cifra non superiore ai 25,4 miliardi di dollari. L’utile per azione fa segnare quota 28 centesimi di dollaro, contro i soli 5 centesimi delle attese. Il buon andamento della banca statunitense, che ricordiamo essere l’unica fra i grandi istituti americani che anche dopo lo scoppio della crisi ha comunque sempre fatto registrare conti trimestrali in utile, è soprattutto dovuto al rimborso dei fondi ottenuti nell’ambito del piano di aiuto del governo USA.

Inattesi anche i risultati di [s]Wells Fargo[/s], che ha chiuso il secondo semestre con un utile pari a 3,2 miliardi di dollari, ovvero 57 centesimi per azione, con una crescita dell’81% sul 2008. Il fatturato è cresciuto, invece, del 28% a 22,5 miliardi di euro. Questi numeri non sono stati anticipati dagli analisti, i quali stimavano un utile per azione attorno ai 34 centesimi e 20,5 miliardi di fatturato. Tuttavia, Wells Fargo ha registrato anche accantonamenti per 700 milioni di dollari e svalutazioni per 463 milioni sulle sofferenze nel portafoglio prestiti. Trimestrale decisamente positiva anche per Citigroup. L’utile netto è stato pari a 4,3 miliardi di dollari. Il gruppo ha beneficiato della vendita a Morgan Stanley della divisione Smith Barney, con un guadagno di 6,7 miliardi di dollari. I ricavi sono aumentati esponenzialmente, passando dai 17,6 miliardi del secondo trimestre 2008 ai 30 miliardi di quest’anno.

Pure per [s]Bank of America[/s] i [a]risultati[/a] sono positivi, ma un po’ in chiaroscuro. Infatti il colosso americano vede aumentare i propri ricavi, mentre gli utili sono in calo. Gli utili di BoA si attestano sui 3,2 miliardi di dollari, in calo del 5,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ma meglio delle attese degli analisti. L’utile per azione è stato di 0,33 dollari, contro i soli 28 centesimi di dollaro che gli analisti si attendevano.  I ricavi invece sono in aumento del 60%, facendo segnare quota 33,1 miliardi di dollari. I ricavi sono in gran parte dovuti all’acquisizione di Merril Lynch. Tuttavia, anche Bank of America ha registrato perdite ed accantonamenti su mutui e prestiti.

L’unica a chiudere in perdita è Morgan Stanley. Alla fine di giugno il gruppo MS ha perso 159 milioni di dollari, pari a 1,37 dollari per azione, contro l’utile di 689 milioni dello stesso periodo di un anno prima. I ricavi netti del periodo sono stati di 5,4 miliardi di dollari, contro i 6,1 miliardi del secondo trimestre dello scorso anno. Aumentano le spese non legate a interessi finanziari, che passano da 5,2 a 6 miliardi di dollari. In aumento anche i costi del personale, che segnano un rialzo da 3,1 a 3,9 miliardi di dollari. L’ammortamento accelerato relativo all’emissione di titoli privilegiati necessari per ripagare i fondi del TARP, ha generato un impatto negativo di 0,74 dollari per azione.

Per chiudere in bellezza, ricordiamo che da inizio anno, i fallimenti di istituti creditizi negli USA hanno ammontano a quota 52, rispetto ai 25 che si sono verificati in tutto il 2008. E pensare che per i prossimi anni i soliti analisti hanno previsto il fallimento di ben mille istituti. Che si tratti anche in questo caso di cifre sottostimate?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza finanziaria: pianificazione successoria, un argomento tabù per molti ricchi

Bank Of America Merrill spiega la bond mania

Bank of America, ricavi record per il wm

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Bank of America, Buffett è ora il primo azionista

Bank of America, trimestre ricco per il wealth management

Bank of America in rosso a Wall Street dopo la trimestrale

Bank of America, la caduta di ieri a Wall Street segna l’avvio di una correzione?

Bank of America in luce dopo la trimestrale

Bank of America, un piano “digitale” da 8.400 esuberi

Solo Barclays e Bank of America non soffrono la crisi russa

Bank of America ritira titoli legati all’acquisizione di Merrill Lynch

BlackRock compra i fondi money-market di Bank of America

Deflussi record per i fondi azionari globali

Bank of America: lasciano il cfo e il vice presidente

Bank of America batte le attese ma non brilla in Borsa

BofA, il trimestre chiude in utile ma sotto le attese

Julius Baer sale di oltre il 4% dopo via libera in India

Sempre meno carte di credito per Bank of America

Bank of America, mega multa da 16,65 miliardi di dollari

BofA, previsto un patteggiamento da 17 miliardi

Bank of America perde colpi dopo trimestrale

Bank of America in calo a New York

Wall Street regge, Bank of America cede

Bank of America perde il 5% a Wall Street

Nuova maxi multa in arrivo per Bank of America?

Wall Street sale ancora grazie alle trimestrali

Trimestrale in chiaroscuro per Bank of America

Bank of America, Campusano lascia dopo 12 anni

Buone notizie per Bank of America

Anche Bank of America avvia tagli selettivi

Merrill Lynch, si avvicina l’ora della “grande rotazione” dal reddito fisso all’azionario

Intesa Sanpaolo si prepara al rinnovo dei piani alti

NEWSLETTER
Iscriviti
X