Tentata estorsione ai danni di Sotheby's

A
A
A
di Stefano Porrone 29 Luglio 2009 | 14:00
L’uomo, un imprenditore 45enne, inviava mail alla società inglese, minacciandola di screditarla nel mondo dell’arte. L’obiettivo era farsi dare 800mila euro per risolvere i suoi problemi economici

Un consulente finanziario in difficoltà economiche ha cercato di estorcere alla sede Italiana della nota Casa d’Aste Sotheby’s 800mila euro, minacciando di diffondere la voce che una pregevole scultura in bronzo di Marino Marini, andata  battuta recentemente in asta a Londra per 782mila sterline, e di proprietà del socio in affari dell’imprenditore in realtà era un falso.
Ma è stato scoperto dal Nucleo tutela patrimonio artistico di Monza al termine di una indagine durata più di quattro mesi

 
Tutto è cominciato nel marzo scorso, quando l’ex socio dell’imprenditore che aveva messo all’asta il “Piccolo Cavaliere” (nella foto) di Marini ha mandato una missiva estorsiva, da Lugano a Milano, all’attenzione del direttore di Sotheby’s Italia, Filippo Lotti.

Ma il manager, responsabile della casa d’aste in Italia, conscio che la scultura era autentica, anche dopo averne verificato le carattteristiche presso l’unica istituzione in gradi di cofermarla, la fondazione Marino Marini di Pistoia, non si è piegato al ricatto e ha subito eliminato l’email.
Quindi il persistere delle minacce estorsive di divulgare notizie false e prive di ogni fondamento sul mercato dell’arte moderna ed in particolare la vendita cosciente di sculture false attribuite all’artista Marino Marini da parte della casa d’aste di Bond Street, tese a screditare ed a gettare una luce negativa sulla stessa società inglese, peraltro quotata in Borsa.
In aggiunta a ciò, la richiesta ai vetici di Sotheby’s  di depositare una somma di 800mila euro su un conto aperto apposta a Singapore, il  Lotti ha questo punto molto allarmato ha deciso di sporgere denuncia ai carabinieri.

Dal marzo scorso ai giorni nostri è cominciata così una vera caccia all’uomo sulla rete che si è conclusa con una denuncia per tentata truffa. Individuato, l’imprenditore e esperto informatico, un italiano sui 45 anni, incensurato e residente in provincia di Milano, ha subito confessato dichiarando appunto di essere in grossa difficoltà economica.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Arte, le Rovine di Nicolas Party

Arte da condividere

Eredità di valori

NEWSLETTER
Iscriviti
X