Intesa Sanpaolo e BNP Paribas, accordo raggiunto su Findomestic

A
A
A

Tramite la controllata BNP Paribas Personal Finance, la banca francese acquisirà il controllo di Findomestic e continuerà ad estendere l’applicazione del proprio modello di business integrato in Europa. Di seguito, uno stralcio del comunicato della società.

Avatar di Fabio Coco4 agosto 2009 | 12:30

Intesa Sanpaolo e BNP Paribas hanno raggiunto un accordo in merito a Findomestic, la società di credito al consumo partecipata al 50% ciascuno dai due Gruppi. A seguito dell’operazione, BNP Paribas, tramite la società interamente controllata BNP Paribas Personal Finance, acquisirà il controllo di Findomestic e continuerà ad estendere l’applicazione del proprio modello di business integrato in Europa.

L’operazione, subordinata all’approvazione delle competenti autorità, consente a BNP Paribas di rivitalizzare lo sviluppo di Findomestic attuando una nuova strategia gestionale e industriale.

L’accordo prevede che il Gruppo Intesa Sanpaolo ceda la sua quota del 50% in due tempi. Una prima quota del 25% oggetto di acquisto da parte del Gruppo BNP Paribas entro il 2009 e la restante quota del 25% tra il 2011 e il 2013, secondo una delle seguenti modalità a scelta del Gruppo BNP Paribas: acquisto da parte della stesso Gruppo BNP Paribas, IPO o vendita a terzi, con un meccanismo d’uscita che dà al Gruppo Intesa Sanpaolo la sostanziale certezza della finalizzazione di tali modalità.

Escludendo l’aumento di capitale recentemente approvato, il valore della prima quota del 25% è pari a 500 milioni di euro, mentre il valore della restante quota verrà determinato, nell’ambito di un minimo di 350 e un massimo di 650 milioni di euro, applicando a Findomestic un multiplo del patrimonio netto riscontrato per un gruppo di società comparabili.

L’impatto positivo per il Gruppo Intesa Sanpaolo nell’esercizio in corso – derivante dalla cessione della prima quota del 25% – sull’utile netto consolidato sarà di circa 260 milioni di euro e sul Core Tier 1 ratio di circa 13 punti base. In relazione al valore determinato per la cessione della seconda quota, l’ulteriore futuro impatto positivo previsto per l’utile netto consolidato potrà essere compreso tra circa 130 e 390 milioni di euro e per il Core Tier 1 ratio tra circa 7 e 14 punti base.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Quando la consulenza è una questione morale

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Ti può anche interessare

Fondi Enasarco, continua la guerra

Secondo il quotidiano Mf, il caso della gestione degli asset immobiliari finirà di fronte all’Ana ...

Consulenti, voi farete la fine dei dinosauri

Cari colleghi consulenti, rassegnamoci: per noi l’estinzione è vicina. E’ questa, in sintesi, l ...

Criptovalute e società abusive, gli stop della Consob

Cartellino rosso per Richmond Investing, Crypton, Cryptoforce ed Eagle Bit Trade. ...