Consulenti Finanziari – Quando il Pac si tramuta in pacco

A
A
A

Massimiliano Siviero, professionista fee only di Torino, apprafondisce l’analisi di uno strumento di investimento molto utilizzato: il Pac. Ecco come evitare brutte sorprese..

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti31 agosto 2009 | 09:00

Alcuni risparmiatori chiedono se sia il momento giusto o meno di fare un PAC (Piano di accumulo del capitale, da distinguere dal PIC – piano di investimento del capitale) e con quale frequenza e scadenza, spesso “sollecitati” dai loro tradizionali “interlocutori di fiducia riguardanti gli investimenti finanziari”. Ma occorre prestare molta attenzione a questi “programmi di investimento” in quanto nella stragrande maggioranza dei casi si nascondono costi che vanno ad aggiungersi alle non poco probabili inefficienze del fondo comune di investimento su cui si realizza il PAC.
Se da un lato il PAC consente di entrare sul mercato determinando nel tempo un prezzo medio di carico che permette di “addolcire” il peso delle variazioni sfavorevoli, dall’altro le commissioni annue su tale investimento possono anche arrivare al 10%! Quindi, fare o non fare il PAC? Innanzitutto, se un PAC viene fatto con le banche tradizionali si consiglia di contrattare quanto possibile le commissioni per singolo versamento (commissioni più spese fisse).

Diversamente, se fatto con banche on line, spesso risulta difficile poter contrattare le commissioni, dipende certamente dal “potere contrattuale” del cliente. Pertanto, occorre fare una valutazione: le commissioni che vado a pagare per singolo versamento mensile, ad esempio, mi vanno a compensare i benefici in termini di costo medio di carico che ottengo? Questa valutazione risulta però di difficile verifica a priori, occorrerebbero delle simulazioni.
Quindi, per ridurre il peso delle commissioni annue (determinate dalla commissione pagata per singolo versamento) si potrebbe effettuare un versamento ad esempio trimestrale o semestrale, di importo pari alla somma dei versamenti mensili che si sarebbero effettuati. In questo modo si smusserebbero un po’ i costi e l’investimento risulterebbe più efficiente.

Inoltre, è risaputo che con i PAC, essendo automatici, non è possibile indicare un prezzo limite, condizione molto importante soprattutto per l’inserimento di ordini di acquisto di quote di un ETF. Attualmente, i differenziali di prezzo bid-ask degli ETF possono risultare in taluni momenti relativamente ampi e pertanto un monitoraggio dei prezzi al fine di spuntare quello a migliori condizioni è fondamentale.
Eventualmente, valutare l’alternativa del PAC “fai da te”: acquistare quote di fondi al verificarsi di determinate condizioni di mercato (ad esempio in sede di correzione), inserendo altresì un prezzo limite nel caso di acquisto di quote di ETF.
Quindi, prima di sottoscrivere un PAC è molto importante valutare le commissioni e le spese fisse che vengono trattenute dall’intermediario per singola rata, effettuare eventuali contrattazioni di queste e chiedersi: il “costo” è giusto?


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut pigliatutto nei reclutamenti

Tutto quello che avreste voluto sapere su come iscriversi al nuovo Albo (ma non avete mai osato chiedere)

Consulente, il cliente si legge dal volto

Consulente, 8 modi per uccidere il tuo stile

Albo unico, tra 5 mesi si cambia

Caso Galloro, la versione del consulente

Scf, prosegue l’attività in vista dell’Albo

Nuovo esame Albo, mettiti alla prova

Una sfida per diventare consulenti

Deutsche Bank Financial Advisors, un reclutamento da 10

Il cliente furioso: manuale di gestione per il cf

Violazioni assortite, radiato ex Mediolanum

Come ti salvo il consulente quando i colleghi sono in vacanza

Consulenza, cosa ci può insegnare l’Olocausto

Consulente, fotografia di una professione

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Anasf, ecco gli articoli modificati dello statuto

Ing, tutto pronto per la rete dalla linea verde

Consulenti, come costruire il portafoglio perfetto mentre guardi Diletta Leotta

Consulenti sempre più sul trono del gestito

Consulenti, dite addio alla scheda carburante

Caso fee only: (non) c’è il rischio della sospensione dell’attività

Nuovo Albo per autonomi e scf: i tempi, le fasi e le attività

Consulente dal piccolo portafoglio? La Maieutica ti aiuta

La sostenibilità vista da Anasf

Cari cf, per avere successo ispiratevi ai samurai

La giornata dell’advisor del futuro

Consulenti, 4 rischi per il portafoglio dai quali stare alla larga

Una borsa per i neo consulenti

Banco Desio: vogliamo investire su di te!

Consulenti, come rendere l’estate produttiva

Consulenti, più pepe al reclutamento con Mifid 2

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Ti può anche interessare

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Come affrontare ogni imprevisto, anche il meno raccomandabile ...

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Il Collegio dell'Arbitro per le controversie finanziarie (Acf) ha deciso di dichiarare inammissibili ...

Bper, la scalata di Unipol

La compagnia bolognese sale dal 9,87 al 15% e arriverà quasi al 20%. ...