Private Banking – Vontobel rafforza la struttura e pensa allo scudo fiscale

A
A
A
di Marcella Persola 14 Settembre 2009 | 14:45
Con l’idea di poter svolgere un ruolo attivo nel rientro dei capitali previsto con l’avvio dello scudo fiscale 3, l’istituto elvetico ha rafforzato la struttura private.

Dopo aver aderito all’associazione italiana private banking (AIPB) Vontobel ha deciso di rafforzare la struttura private in Italia annunciando l’ingresso di 3 nuovi bankers. Si tratta di Fabrizio Mucci Piola Daverio, Giangiacomo Rossi e Federico Cosentino.

I tre nuovi bankers risponderanno direttamente a Stefano Calvi, attuale responsabile del progetto di sviluppo della divisione pb del gruppo bancario svizzero in Italia. Mucci Piola Daverio proviene da Investitori SGR dove ricopriva il ruolo di senior banker. Rossi, invece proviene da Calyon ove svolgeva il ruolo di executive director mentre Cosentino è stato dirigente della Banca per lo Sviluppo di Napoli.

Per il ceo di Vontobel Group Herbert J. Scheidt «nella strategia di Vontobel gli obiettivi primari sono solidità e stabilità; perseguiamo una politica di minimizzazione del rischio e per noi la sicurezza viene prima dei profitti derivanti da investimenti rischiosi». E continua «La decisione di rafforzare anche in Italia l’attività di private banking è coerente con la strategia internazionale del gruppo e fa leva su una squadra di manager dalle provate capacità. L’italia è uno dei maggiori mercati per Vontobel dopo la Svizzera».

Infatti l’istituto elvetico ha intenzione di espandere e creare un importante polo per il private banking anche in Italia, dopo la Germania e l’Austria. L’interesse della società è anche quello di poter entrare a far parte di coloro che beneficieranno dei flussi previsti dal rientro dei capitali per lo scudo fiscale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Corcos (Fideuram), un appello per gli over 40

Private banking, l’Esg interessa a tanti ma ancora pochi ci puntano

Intesa, tentazione shopping “di nicchia” nel wealth management e nel private banking

NEWSLETTER
Iscriviti
X