Banche – Lloyds al taglio dei conti correnti

A
A
A

L’Unione Europea ha suggerito alla banca inglese di ridurre del 30% i propri c/c, all’interno del piano di ristrutturazione promosso a Bruxelles.

di Fabio Coco30 settembre 2009 | 09:20

Secondo le fonti di Bloomberg, l’Unione Europea, riunitasi a Bruxelles anche per decidere del piano di ristrutturazione della banca, ha suggerito a Lloyds Banking Group di rinunciare a circa 3,7 milioni di conti correnti dei clienti per ricompensare l’approvazione del piano di salvataggio di governo ricevuto. Proprio in questi giorni, la Commissione Europea ha difatti suggerito alla banca inglese di tagliare la propria quota di conti correnti inglesi dal 25 al 30%.

Probabilmente a causa del fatto che l’istituto al momento non riesce a garantire la copertura di tutti i conti correnti sottoscritti, per conseguire l’obiettivo Lloyds potrebbe vendere alcuni dei suoi 3.000 rami aziendali o asset. Si parla anche della possibile cessione di Halifax Online Banking.

La banca più grande del Regno Unito specializzata nella concessione di mutui e posseduta dal governo al 43%, aveva beneficiato di 27 miliardi di dollari dai contribuenti britannici ai tempi dell’acquisizione di Hbos, operazione che ha reso l’istituto il numero uno del Paese per c/c. Inoltre, Lloyds sta trattando con il governo inglese la possibilità di far rientrare 260 miliardi di sterline di asset rischiosi all’interno del programma di sostegno APS, ossia l’Asset Protection Scheme. A novembre, infine, Lloyds Banking Group potrebbe anche varare un aumento di capitale tra i 5 ed i 7 miliardi di sterline, tramite un’emissione azionaria di nuove quote in conto capitale.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il wealth management le fa ricche

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Ti può anche interessare

Radiata consulente nel pavese

La consulente in questione è originaria di Pavia ed era in forze a Sanpaolo Invest. ...

Banca Mediolanum, lo spot sui Pir in anteprima

Fra qualche giorno parte la campagna pubblicitaria della società guidata da Massimo Doris sui piani ...

ITForum Milano al via: si parla di Mifid 2, Albo e commercialisti

I commercialisti nell’Albo? Il tema sarà trattato in due tavole rotonde in programma all’ITForu ...