Credem di nuovo tra i Top Employers

A
A
A
di Chiara Merico 6 Marzo 2017 | 10:54
La certificazione viene assegnata alle aziende con la migliore qualità del lavoro. Premiate le iniziative di assunzione dei giovani e le misure a sostegno della maternità e del work life balance, come la possibilità di usufruire dello smartworking.

IL RICONOSCIMENTO – Per il secondo anno consecutivo Credem ha ricevuto la certificazione “Top Employers”, assegnata da un’autorevole agenzia internazionale specializzata nella valutazione della qualità del posto di lavoro, dopo una analisi completa delle politiche e di tutti i processi aziendali legati alla gestione delle persone. Questa attestazione, riconosciuta alle aziende aderenti all’iniziativa di certificazione che raggiungono i più elevati standard nelle condizioni di lavoro dei dipendenti, è stata assegnata in Italia a 79 aziende di cui sette banche.

LE RISORSE UMANE – Gli investimenti dedicati alle persone del gruppo rappresentano anche nel 2017 un asset strategico per la banca di Reggio Emilia, a partire dagli oltre 120 giovani che saranno assunti entro la fine del 2017. Gli investimenti in formazione hanno toccato nel 2016 la cifra di 47 mila giornate/uomo che, suddivise fra i 6 mila dipendenti del gruppo, significano quasi 8 giornate pro-capite. Un ruolo importante nelle strategie del personale è rappresentato inoltre dal progetto di welfare aziendale. Dal sostegno alla maternità (Credem assegna mille euro a ogni nuovo nato e mette a disposizione delle madri un portale dedicato e una serie di iniziative di supporto) a quello al reddito (condizioni bancarie agevolate e convenzioni), dalle iniziative di work-life balance a quelle assicurative, dal supporto psicologico alla valorizzazione del tempo libero, in soli tre anni il progetto dedicato al benessere dei dipendenti si sta distinguendo per la ricchezza e la varietà delle iniziative. Qualche esempio: già nei primi mesi del 2017 il numero di persone che può lavorare da casa per due giorni la settimana è salito a oltre 300 (circa il 16% di chi ricopre ruoli che non richiedono il contatto quotidiano con il pubblico, uno dei valori più alti del settore), e nel solo 2016 le visite di prevenzione gratuita in azienda (melanoma, tiroide, tumore al seno, rischi cardiovascolari) sono state quasi 4 mila. “Spesso nelle aziende si pensa alle persone prevalentemente come ad un mezzo, uno strumento per ottenere risultati economici, e per questo si definiscono Risorse Umane. Noi siamo convinti del contrario”, ha dichiarato Stefano Pilastri, direttore del personale di Credem. “Sono infatti i risultati a essere solo una conseguenza di quello che succede quando le persone e tutte le loro caratteristiche, personali e professionali, sono messe al centro di un progetto d’impresa”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, una nuova casa per il private

Top 10 Bluerating: il Dollaro è di Credem

Credem, rimborso anticipato da 50 milioni

NEWSLETTER
Iscriviti
X