Banche – Abi, sofferenze al limite

A
A
A
Avatar di Giacomo Berdini 8 Ottobre 2009 | 14:30
Secondo il presidente dell’Abi Faissola le banche hanno accumulato sofferenze che toccano il limite di sopportazione possibile. Il credito è comunque cresciuto, ma il governo dovrebbe intervenire.

Le banche si avviano a chiudere il 2009 con un livello di rettifiche comprese tra i 18 e i 20 miliardi di euro, con l’accumulo di sofferenze al limite del sopportabile.
Questo è quanto dichiarato dal presidente dell’Abi Corrado Faissola nel corso dell’audizione per la Finanziaria dell’anno prossimo presso il Senato, e riportato dall’agenzia Reuters.

Faissola ha lanciato l’allarme sul limite della sopportabilità da parte delle banche dei flussi delle sofferenze: ”Nel primo semestre le banche hanno registrato 9 miliardi di rettifiche che, se rapportate sull’intero anno, fanno 18-20 miliardi”, ha spiegato.
Il presidente dell’Abi torna a contestare l’attuale regime fiscale operante sulla deducibilità delle sofferenze, e chiede al governo di intervenire, per frenare la situazione dei flussi di sofferenze.

“Le perdite su credito possono essere dedotte entro lo 0,30%, il resto lo si recupera in 18 anni”, suggerisce Faissola, “La crisi ha creato delle difficoltà, ma una forte riduzione del credito non c’è stata. Il credito non solo non è diminuito ma è cresciuto, la crescita tendenziale di agosto era superiore al 2%, nell’area euro era a +0,3%”, ha affermato.
L’Abi quindi nega che si possa parlare di credit crunch in Italia, nonostante l’impatto della crisi finanziaria, ma sulle rettifiche al limite si auspica un intervento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Vaccinati in banca. E i consulenti finanziari?

Euro digitale, al via la sperimentazione dell’Abi

Abi, quarto mandato per Patuelli. Tutti i nomi del comitato esecutivo

NEWSLETTER
Iscriviti
X