Trimestrali, anche Goldman Sachs supera gli analisti

A
A
A
di Fabio Coco 15 Ottobre 2009 | 13:00
La banca statunitense di Lloyd Blankfein archivia il terzo periodo con un utile per azione pari a 5,25 dollari, quattro volte l’Eps del periodo 2008 e dato superiore al consensus di 4,24 dollari.

Dopo quella di JP Morgan, arriva anche la terza trimestrale di Goldman Sachs, anch’essa oltre le aspettative degli analisti. L’istituto finanziario, infatti, archivia il periodo con un utile anno su anno in netta crescita con 3,19 miliardi di dollari, ossia un utile per azione di 5,25 dollari, dato superiore alle stime pari a 4,24 dollari elaborate da Reuters. L’anno scorso, invece, l’utile di periodo fu pari a 845 milioni di dollari, ovvero 1,81 dollari per azione. Il fatturato, invece, si è attestato a 12,37 miliardi di dollari, in diminuzione rispetto ai 13,76 miliardi dell’analogo periodo scorso.

Goldman Sachs, inoltre, ha annunciato la distribuzione di un dividendo trimestrale di 0,35 dollari per azione. In questi ultimi tre mesi, la società ha registrato un calo del 30% nelle attività di investment banking, che hanno ammontato a 899 milioni, mentre le attività provenienti dal servizio di consulenza finanziaria si sono dimezzate, attestandosi a 325 milioni. Il Tier 1 è risultato anch’esso in crescita, attestandosi al 14,5%, un netto balzo rispetto al coefficiente patrimoniale del secondo trimestre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti