Promotori Finanziari – Mediolanum regina ma con qualche ombra

A
A
A
di Marcella Persola 29 Ottobre 2009 | 15:00
Resta al timone della classifica, ma perde oltre 150 milioni di raccolta in un mese. A sostenere la raccolta totale è soprattutto il segmento amministrato nel quale la liquidità da sola fa meglio di tutta la raccolta netta totale.

Resta regina indiscussa della raccolta netta totale Banca Mediolanum. Anche nel mese di settembre la rete della banca presieduta da Ennio Doris è rimasta al timone della classifica mensile di Assoreti con un flusso di 276,516 milioni, ma in netto ribasso rispetto al risultato di agosto. Si parla di circa 160 milioni di meno. Infatti nel mese di agosto il flusso era stato di 438,258 milioni.

A livello di gestito la rete non ha perso molti flussi in quanto raffrontando i due mesi di riferimento si evince che ad agosto il flusso totale è stato di 140,336 milioni mentre a settembre la raccolta netta del gestito è stata pari a 138,668 milioni. Come per agosto, anche in settembre la valorizzazione maggiore nel gestito è derivata dal comparto fondi che ha contribuito alla raccolta totale con 82,962 milioni comunque in ribasso rispetto al flusso di 102,814 milioni. Per quanto riguarda le gestioni patrimoniali invece i dati sono negativi mentre il comparto assicurativo/previdenziale è positivo pari a 57,078 milioni, in crescita rispetto al dato di agosto di oltre 38 milioni.

A livello di amministrato invece grande deflusso sul fronte titoli -153,319 milioni controbilanciato però da un comparto liquidità che ha raccolto oltre 290 milioni, più di tutta la raccolta netta totale.

A livello di unità il bilancio della rete è negativo con l’uscita di 8 promotori finanziari e una rete pari a 4.844 unità. Considerando la raccolta totale emerge che la raccolta pro-capite è pari a: 57,084 migliaia di euro.

RISPONDE MARCELLA PERSOLA

Rispondo al lettore che mi ha chiamato in causa, ricordando che ogni giorno nella rubrica “La rete del giorno” si analizzano i dati delle principali reti. Di Fideuram ne abbiamo già parlato, mercoledì, e di Finecobank ne parlerò quest’oggi. In estrema sintesi le posso dire che dai dati mi sembra che le due reti non sono state premiate dalla raccolta netta totale ma hanno dimostrato una certa dinamicità a livello di gestito. Fideuram nel gestito è seconda in classifica, dopo Finecoank, ma prima di Mediolanum. Per quanto riguarda il comparto fondi entrambe si sono comportate meglio di Mediolanum con una raccolta pari a 120,554 milioni Fideuram e 231,442 milioni Finecobank. Per quanto riguarda l’amministrato Mediolanum primeggia perché sia Fideuram, sia Finecobank presentano deflussi. Cordialmente. MP.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, un ex di Banca Mediolanum (e non solo) per Sudtirol Bank

Banca Mediolanum, la nuova forza è il consumer lending

Consulenti, gran grosso da Sanpaolo Invest per Südtirol Bank

NEWSLETTER
Iscriviti
X