Promotori Finanziari – Poste Italiane, quando la sfida è impari

A
A
A

La sfida tra la rete postale e quella bancaria è aperta; am siamo sicuri che le regole siano le stesse per tutti?

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti29 ottobre 2009 | 15:05

Ormai è cosa comprovata. Il mondo Poste Italiane è fortemente deciso a far concorrenza ai tipici intermediari finanziari; tra sim in regalo, prodotti Banco Posta e appoggi dal governo (ricordate la questione Banca del Mezzogiorno?) la sfida alle reti è ormai una realtà. Capità però di imbattersi in casi che fanno riflettere, come quello che riporta recentemente Il Mondo.

Ecco una lettera riportata dal settimanale “Mi è stata clonata la carta Postepay con prelevamenti di denaro all’estero. Ho presentato istanza di rimborso, ma le Poste mi hanno risposto che per loro è tutto in regola. Che cosa posso fare, visto che non aderiscono all’Ombudsman e quindi non so a chi altro rivolgermi?” Si può giocare a fare l’intermediario senza averne la struttura e le regolamentazioni? Ai nostri lettori l’ardua sentenza.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le Index Linked non sono polizze, parola di giudice

Polizze Vita, il leader è Poste Italiane

Allianz vende polizze per 4,5 miliardi

Ti può anche interessare

Banca Mediolanum, oggi il big show

Si apre ad Assago il tradizionale raduno dei family banker della società guidata da Massimo Doris ...

Franzoni (Credem): “Il modello vincente? L’integrazione banca-rete”

Parla il manager che da giugno ha raccolto il testimone da Marconi e ora guida i cf del Credito Emil ...

Norme per gli intermediari, focus sull’etica

Per la prima volta in Italia viene definito il processo mediante il quale la cultura dell’integrit ...