Bank of England, una decisione che non convince

A
A
A

La Banca d’Inghilterra manda i primi segnali di uscita dal programma di riacquisto delle obbligazioni, sostiene Richard Woolnough, gestore del fondo M&G Optimal Income. Di seguito, la sua analisi sulla decisione della BoE.

Avatar di Redazione6 novembre 2009 | 14:00

Con l’annuncio di giovedì la Banca d’Inghilterra ha esteso il programma di quantitative easing ad altri 25 miliardi di sterline nei prossimi tre mesi, facendo intendere che potrebbe interrompere l’acquisto di obbligazioni.

Considerando che da marzo la Banca d’Inghilterra ha riacquistato obbligazioni governative per 175 miliardi di sterline, ai quali si aggiungono i 25 miliardi pianificati per i prossimi tre mesi, il tasso di incremento si è ridotto di circa il 70% (inizialmente ne venivano riacquistati 25 miliardi al mese e ora si è passati a 8 miliardi al mese).  

La reazione sul mercato delle obbligazioni governative (poco fa il rendimento sul titolo 3 3/4 2019 è aumentato di oltre 10pb arrivando al 4%) suggerisce che era atteso un impegno in qualche modo maggiore. La speranza è che questa riduzione trovi il giusto equilibrio tra un sostegno all’economia, che la faccia tornare a reggersi sulle proprie gambe, e il raggiungimento degli obiettivi inflazionistici della Banca d’Inghilterra. Il report trimestrale sull’inflazione atteso per l’11 novembre dovrebbe fare maggiore chiarezza.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Banca Akros, scatta la seconda fase di Single Name Italy

Ti può anche interessare

Mediobanca: utile in calo, ma meglio delle stime

Nel primo trimestre (luglio-settembre) i ricavi sono in crescita del 7% a 638 milioni e il risultato ...

Flat tax, come ti acchiappo il Paperone

Si tratta di una vera e propria tassa “acchiapparicchi”, pensata per attirare in Italia chi ha ...

 Azimut, patto di sindacato in manovra

Timone Fiduciaria, che riunisce i soci di peso della holding al vertice del gruppo fondato da Pietro ...