Trimestrali – Barclays, pesano le svalutazioni

A
A
A
di Fabio Coco 10 Novembre 2009 | 08:40
Nel terzo periodo dell’anno la banca britannica registra un calo dell’utile netto del 54%, con le svalutazione sui crediti in sofferenza che si portano a 1,4 miliardi di sterline.

Barclays archivia i primi 9 mesi dell’anno con un utile netto che si attesta a 2,73 miliardi di sterline, un calo del 29% rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso (3,83 miliardi). L’utile lordo è stato pari a 4,5 miliardi di sterline, contro i 5,6 miliardi del periodo 2008. A pesare, in particolare, sulle poste di bilancio, l’aumento significativo delle svalutazioni (+65%) sul portafoglio crediti in sofferenza, che hanno ammontato complessivamente a 6,21 miliardi di sterline. La società ha annunciato un dividendo di 1 pence che sarà corrisposto a fine anno.

Considerando solo il terzo trimestre, invece, l’utile è calato allora del 54%, attestandosi a 1,08 miliardi di pound, contro i 2,33 del periodo scorso. In termini lordi, l’utile è passato da 2,84 a 1,56 miliardi di sterline. A riportare una buona performance, però, sono state le attività di investment banking del gruppo, che lo scorso anno avevano rilevato gli asset americani di Lehman Brothers, mentre le svalutazioni per perdite su crediti, anche in questo caso, sono risultate in crescita, portandosi a 1,4 miliardi di sterline. Complessivamente, per l’intero arco dell’anno, una delle poche banche a non esser ricorsa agli aiuti di Stato britannici si attende svalutazioni attorno ai 9 miliardi di sterline.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Barclays rivede i target sulle banche italiane in vista delle trimestrali

Barclays, il private arriva a Milano

Azioni Europa settore pharma: i target price di Barclays

NEWSLETTER
Iscriviti
X