Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

A
A
A
Avatar di Fabio Coco 13 Novembre 2009 | 12:00
Il pubblico ministero Alfredo Robledo ha rinviato a giudizio 13 persone, 11 dirigenti bancari e 2 comunali, nonché le 4 banche Deutsche Bank, JP Morgan, Ubs e Depfa, riguardo al bond da 1,7 miliardi di euro legato a contratti derivati, sottoscritto nel 2005 dal Comune di Milano. L’accusa è di truffa aggravata.

Si chiude con il rinvio a giudizio da parte del pm Alfredo Robledo di 13 indagati, 11 dirigenti bancari e 2 comunali (l’ex direttore generale Giorgio Porta ed il consulente economico del sindaco Gabriele Albertini, Mario Mauri), nonché delle 4 banche coinvolte in quanto persone giuridiche, il primo tempo del complicato scandalo derivati. L’accusa è quella di truffa aggravata su presunte irregolarità commesse nell’emissione del bond da 1,685 miliardi di euro legato a derivati sottoscritto dal Comune di Milano.

Nel 2005, infatti, l’amministrazione milanese aveva emesso un prestito obbligazionario per 1,7 miliardi di euro, insieme al quale Deutsche Bank, JP Morgan, Ubs e Depfa proposero alcuni contratti derivati, in modo da trasformare il tasso fisso in variabile, all’interno di una certa banda di oscillazione e per trasformare la scadenza unica in un piano d’ammortamento graduale. Le quattro banche, però, tramite tale operazione, hanno riportato ingenti profitti ritenuti illeciti dalla Procura di Milano, la quale ha aperto da tempo un’indagine sui danni causati al Comune milanese.

In seguito allo scandalo, in estate furono messi sotto sequestro asset, sedi e titoli degli istituti di credito coinvolti per un valore complessivo di 100 milioni di euro, in seguito al deposito in Procura di un esposto per truffa da parte del PD: in quell’occasione si scrisse di come la Procura di Milano fosse divenuto così azionista al 25% di DB, seppur non tecnicamente,  e di come gli enti bancari versarono un totale di 256 milioni di euro per riscattare sedi ed azioni sequestrate. Di fine luglio, invece, la notizia dell’invio dell’avviso di conclusione delle indagini a Jp Morgan, Deutsche Bank, Ubs e Depfa, atto che di solito precede la richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura.

Ieri, tramite una nota, il centrosinistra ha comunicato che la minusvalenza causata all’amministrazione agli attuali valori di mercato, sarebbe di 174 milioni di euro. La stima è legata in parte ai derivati di credito stipulati nell’ottobre 2007 ed in parte all’eventuale rialzo dei tassi d’interesse che potrebbe danneggiare ulteriormente la politica di bilancio comunale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Unione bancaria, la mina dei derivati sugli istituti europei

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

NEWSLETTER
Iscriviti
X