Aig buona uscita con sette zeri

A
A
A
di Giacomo Berdini 29 Dicembre 2009 | 09:40
A fronte delle dimissioni del vicepresidente, Aig offre una generosa liquidazione, ma il piano di trattamento era in vigore prima dell’intervento governativo e gli stipendi dei manager già sono stati ridotti.

Dopo i bonus concessi dalla Lehman ai dipendenti occupati nelle operazioni di fallimento, a Wall Street si staccano altri assegni con troppi zeri, soprattutto per le società che devono la propria sopravvivenza agli interventi del Tesoro Americano.

Aig, il colosso assicurativo nazionalizzato dal governo nel corso della crisi, per esempio, ha deciso di conferire al legale Anastasia Kelly, vicepresidente della società dal 2006, un compenso di buona uscita con sette zeri a fronte delle sue dimissioni.

In realtà la liquidazione ottenuta dal legale rientra perfettamente nei parametri del piano di trattamento di fine rapporto applicato dalla società, adottato ben prima del salvataggio governativo del 2008.
Provvedimenti restrittivi già sono stati presi quando il responsabile dei compensi presso le sette società maggiormente sostenute dal governo americano, Kenneth Feinberg, all’inizio del mese ha stabilito un massimale di 500mila dollari al salario annuale dei manager di Aig, decisione che ha peraltro drasticamente ridotto lo stipendio di Kelly.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Prima soluzione blockchain per il mercato assicurativo corporate italiano

Nuove nomine ai vertici dei colossi finanziari europei e americani

Hsbc: Tucker valuta candidati interni ed esterni per succedere a Gulliver come Ceo

NEWSLETTER
Iscriviti
X