Istituzioni – Lo sportello mette il turbo alle polizze

A
A
A
di Marcella Persola 8 Gennaio 2010 | 10:45
Crescita della raccolta dei premi dell’ultimo trimestre 2009. Secondo il report di ISVAP l’aumento è stato del 23,5% rispetto allo stesso periodo del 2008.

Cresce la raccolta premi dei rami assicurativi nell’ultimo trimestre del 2009. La raccolta premi realizzata nei rami vita e danni dalle imprese nazionali e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra nei primi nove mesi del 2009 ammonta a 81,903 miliardi, con un incremento del 23,5% rispetto al corrispondente periodo del 2008. 

In dettaglio secondo quanto comunicato da ISVAP i premi vita, pari a 56,225 miliardi registrano un incremento del 40,3%, con un’incidenza sul portafoglio globale vita e danni che si attesta al 68,6% (60,4% nello stesso periodo del 2008); il portafoglio danni, che totalizza 25,678 miliardi diminuisce del 2,2%, con un’incidenza del 31,4% sul portafoglio globale (39,6% nello stesso periodo del 2008). 

 

Nell’ambito dei rami vita, si evidenzia una buona crescita del ramo I con 44,803 miliardi (+122% rispetto allo stesso periodo del 2008); il ramo III con 6,532 miliardi (- 60,2% rispetto ai primi nove mesi del 2008); la raccolta del ramo V ammonta a 3,686 miliardi (+58,8%). Tali rami incidono sul totale premi vita rispettivamente per il 79,7%, per l’11,6% e per il 6,6% (rispettivamente il 50,4%, il 40,9% e il 5,8% nello stesso periodo del 2008). 
Per quanto riguarda i restanti rami, il contributo del ramo VI (fondi pensione: 1,099 miliardi), rappresenta l’1,9% della raccolta vita (2,6% nei primi nove mesi del 2008). 

  

A livello di canale distributivo il report di ISVAP evidenzia che gli sportelli bancari e postali hanno intermediato il 61,2% del portafoglio vita (56,7% nel 

corrispondente periodo del 2008). Seguono i promotori finanziari (14,3% rispetto al 9,6% nei primi nove mesi del 2008), le agenzie con mandato (14,2% rispetto al 21,3% nei primi nove mesi del 2008), le agenzie in economia e gerenze (9,1% rispetto al 10,6% nel corrispondente periodo del 2008), i brokers (0,8% rispetto all’1,2% nei primi nove mesi del 2008) e le altre forme di vendita diretta (0,4% rispetto allo 0,6% del corrispondente periodo del 2008). 

 

 

Per quanto riguarda invece il ramo danni, il portafoglio premi ammonta complessivamente a 12,579 miliardi (-4% rispetto ai primi nove mesi del 2008), con un’incidenza del 49% sul totale rami danni (49,9% nell’analogo periodo del 2008) e del 15,4% sulla raccolta complessiva (19,8% nei primi nove 

mesi del 2008).  

 

A livello di canale distributivo ad evidenziare la preponderanza della raccolta attraverso le agenzie con mandato; esse hanno intermediato l’84,1% della globalità del portafoglio danni (84,5% nello stesso periodo del 2008) e il 90,5% del portafoglio relativo al solo ramo R.C. auto (90,9% nel corrispondente periodo del 2008). 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La ribalta della bancassurance spinta dal settore danni

Credem, un nuovo modello per la consulenza assicurativa

Assicurazioni, futuro da 10mld

NEWSLETTER
Iscriviti
X