Il governo promuove Draghi alla Bce

A
A
A
Avatar di Redazione 27 Gennaio 2010 | 09:00
Dopo l’incontro con le sei maggiori banche del Paese, durante il quale si è parlato di rafforzamento patrimoniale e regolamentazione, il governatore si è recato a colloquio presso il premier. L’Italia pronta ad appoggiare la sua candidatura alla presidenza della Banca Centrale.

Mario Draghi invita le banche a rafforzare i capitali, mentre dal canto loro gli istituti di credito lamentano le perdite su crediti e difendono il loro operato nei confronti delle imprese. Questi, e altri, gli argomenti di cui si è parlato ieri durante l’incontro tra il governatore e gli amministratori delegati delle sei principali banche italiane – Intesa, Unicredit, Mps, Mediobanca, Banco Popolare, Ubi – e ai vertici dell’Abi. Intanto, da Palazzo Grazioli, dove si è recato Draghi dopo l’incontro con i banchieri, si rafforza l’ipotesi di appoggiare il numero uno di Bankitalia alla corsa per la Bce.

Riconoscendo gli sforzi che gli istituti hanno fatto sul fronte del rafforzamento patrimoniale, durante l’incontro in via Nazionale Draghi ha esortato le banche a continuare su questa strada, tenendo d’occhio quello che sarà l’assetto futuro delle regole internazionali sui requisiti di capitale. Le banche hanno invece fatto il punto sulla congiuntura economica e creditizia: è vero che i problemi di liquidità sembrano superati, ma la ripresa dell’attività produttiva è ancora incerta. Sostenendo che non si può definire restrizione dell’offerta quel calo dei prestiti pari al 6-7%, i managers hanno piuttosto sottolineato che a mancare è la domanda di credito. I managers hanno fatto il punto sulla crescita di incagli e sofferenze e espresso perplessità sulla nuova regolamentazione internazionale, che potrebbe penalizzare le banche italiane sul lato fiscale.

Dopo le conversazioni con i banchieri il governatore si è recato a colloquio presso il presidente del consiglio. Oltre all’analisi della situazione economica interna e delle prospettive internazionali, i due – alla presenza del sottosegretario Gianni Letta – hanno discusso anche dell’approssimarsi del rinnovo dei vertici della Bce, in scadenza nell’autunno del 2011. La partita è certamente difficile, vista anche la forza del candidato tedesco Axel Weber. Da parte sua Draghi gode del prestigio internazionale guadagnato alla guida del Financial Stability Forum, ma visti i precedenti del governo italiano con la candidatura di Massimo D’Alema agli affari esteri dell’Ue, la sfida è tutta da giocare

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Patrimoniale, luce verde da Bankitalia

Italiani, milioni di conti correnti ma con piccole somme

Consulenti, Bankitalia boccia Anasf

NEWSLETTER
Iscriviti
X