Saccomanni: governance va adeguata al mercato

A
A
A

E’ fondamentale rivedere gli asset di governance e adeguarli al mercato. Con queste parole il direttore generale di Bankitalia, Fabrizio Saccomanni, durante…

di Redazione26 febbraio 2010 | 15:45

E’ fondamentale rivedere gli asset di governance e adeguarli al mercato. Con queste parole il direttore generale di Bankitalia, Fabrizio Saccomanni, durante il convegno delle Assopopolari ha spiegato che è necessario un più ampio intervento di riforma legislativa, come testimoniato dalle numerose proposte di legge presentate in Parlamento da più parti anche nella presente legislatura.

Per Saccomanni “Sui mercati finanziari, le condizioni di fondo sono sostanzialmente migliorate rispetto ad un anno fa, anche se non mancano fasi di accentuazione della volatilità dei tassi d’interesse e di cambio, delle quotazioni azionarie e degli spreads. Persiste nei mercati un sottofondo di incertezza sulla sostenibilità di scenari di rilancio dell’attività finanziaria in un contesto di perdurante debolezza dell’economia reale. Sono condizioni che si prestano all’inserimento di componenti speculative.

Lo straordinario impianto espansivo delle politiche monetarie e fiscali messo in atto all’indomani della crisi è ancora operante. Ma non vi è dubbio che l’eccezionale sostegno impartito dovrà essere gradualmente rimosso. Come ha di recente sottolineato il Governatore Draghi, per la politica monetaria, l’uscita non dovrà essere prematura, per non ostacolare la ripresa, ma neanche tardiva per non compromettere la stabilità dei prezzi e

alimentare nuove bolle speculative sui mercati finanziari. È comunque importante l’impegno dei paesi dell’area dell’euro a intraprendere azioni decise e coordinate per garantire la stabilità finanziaria dell’area.

In merito alla governance Saccomanni ha precisato che “L’evoluzione della regolamentazione deve salvaguardare i punti di forza del modello della banca popolare, in primis il voto capitario. Vanno attenuate alcune rigidità del modello, prendendo spunto anche dalle esperienze estere di cooperazione bancaria”. 

 

E l’adeguamento alle nuove regole sarà graduale. È tuttavia prioritario che le banche rafforzino sin d’ora la base patrimoniale utilizzando tutte le leve

gestionali a disposizione. Occorre migliorare il presidio dei rischi, soprattutto quelli legati all’attività creditizia. Il basso tasso di crescita con cui l’economia italiana sta uscendo dalla crisi rende tale esigenza più pressante. Ciò vale in particolar modo per le banche cooperative, che hanno visto crescere negli ultimi anni il proprio portafoglio prestiti a tassi particolarmente sostenuti. Esse sono chiamate ora a rafforzare gli assetti per la gestione dei rischi e di governance per poter continuare a dare il loro contributo al sostegno delle realtà economiche e sociali di cui sono espressione.



Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Rotta su Singapore per Ubi

Ubi punta inoltre ad accompagnare il percorso di internazionalizzazione delle aziende italiane, come ...

Rendiconti falsi e appropriazione indebita, radiato un cf ex Fideuram

Provvedimento dell’authority ai danni di un professionista originario di Verona ...

Il consulente plurimandatario ora è realtà

Una rivoluzione chiesta da molti, finalmente si avvera. Ma solo per gli autonomi… ...