Geoghegan dà in beneficienza 4 milioni di bonus

A
A
A
di Redazione 1 Marzo 2010 | 10:00
L’ad dell’istituto britannico Hsbc, nonostante gli sia recentemente stato negato un aumento di stipendio, ha deciso di donare in carità i suoi bonus per un totale di 4,45 milioni di euro.

Dopo la decisione presa dalla banca britannica Hsbc di rinunciare all’aumento di stipendio di circa il 36% per il suo amministratore delegato, ora il numero uno della banca, Michael Geoghegan (nella foto), annuncia di voler donare in beneficienza tutti i suoi bonus.

Qualche giorno fa i vertici dell’istituto di credito avevano consultato gli azionisti in merito al possibile maxi-aumento a favore del Ceo che gli avrebbe consentito quest’anno di intascare più di 1,4 milioni di sterline, ma la risposta è stata no. Allo stesso modo, la banca ha rinunciato ad incrementare da 700 mila a 900 mila sterline il salario del direttore finanziario Douglas Flint.
Secondo i proprietari di azioni di HSBC, infatti, tali operazioni avrebbero potuto soffiare sul fuoco del risentimento dei contribuenti nonché del mondo politico verso i banchieri. Inoltre, si sarebbe trattato di un comportamento in controtendenza rispetto a quello di altri dirigenti bancari, come per esempio Stephen Hester, ad della Royal Bank of Scotland, che ha deciso di rinunciare ai bonus che avrebbe dovuto intascare per il 2009, oppure il caso dei due massimi dirigenti di Barclays, Bob Diamond e John Varley, che hanno annunciato analoghe decisioni.

Tuttavia, Michael Geoghegan non se l’è presa per la decisione degli azionisti di non concedergli alcun aumento ma anzi, prendendo esempio da virtuosi colleghi, ha fatto sapere di voler donare in carità i suoi bonus, per una cifra che si aggira intorno ai 4 milioni di sterline, ovvero 4,45 milioni di euro; quando la crisi riesce anche a fare del bene.
 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Hsbc: un’italiana a capo delle attività Global Banking per l’Europa Continentale

Etf, da Hsbc AM tre nuovi strumenti “Paris Aligned” a Piazza Affari

Investimenti: prepariamoci alla “mission economy”

NEWSLETTER
Iscriviti
X