Promotori, in un anno 800 dicono addio

A
A
A
di Marcella Persola 1 Marzo 2010 | 13:30
Confrontando i dati di Assoreti anno su anno si evince che il numero di promotori finanziari attivi è calato a 22.779 unità dai 23.578 di gennaio 2009.

La professione del promotore finanziario non attira più. Infatti il numero dei promotori finanziari attivi nel mese di gennaio 2010 è sceso drasticamente sotto le 23 000 unità. Confrontando i dati di Assoreti si evince che rispetto al mese di dicembre e a tutto l’anno 2009 (quando le unità era comunque superiori alle 23.000 unità) il numero di promotori finanziari attivi è calato a 22.779 unità.

Nel gennaio 2009, invece, il numero di professionisti attivi nel mondo della promozione finanziaria era pari a 23.578 milioni, mentre a dicembre i professionisti attivi erano di 23.178 unità. Come si vede quindi in un anno si sono perse quasi 800 unità.

Guardando nel dettaglio delle reti emerge che a gennaio 2010 la regina indiscussa dei nuovi ingressi è Banca Sara (+14) seguita da Fideuram (+10) e Mps (+6). Mentre hanno perso unità Credem (-15); Banca Network (-13); Fineco (-11); Mediolanum (-10) e Banca Generali (-10).

Se si raffrontano i dati annuali (numero di pf operativi nelle reti a gennaio 2009 e quelli operativi a gennaio 2010) invece emerge che quasi tutte le principali reti hanno perso pf tranne Banca Sara (+89) e Finanza & Futuro (+56). Tra le top invece Mediolanum in un anno ha salutato 195 pf, Allianz 178 Fineco 196. Caso a parte è rappresentato da Banca Generali (-105) e Intesa Sanpaolo (-264 Banca Fideuram e +102 Sanpaolo Invest). In Generali da gennaio 2010 sono operativi anche i pf di Banca BSI, mentre la rete Intesa Sanpaolo a dicembre non aveva ancora accolto i pf di Banca Cr Firenze. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Reti, la raccolta spezza la tensione. Fideuram ancora al comando

Consulenti, assegnate le borse di studio Assoreti

Molesini (Assoreti): “Consulenti finanziari? Meglio consulenti patrimoniali”

NEWSLETTER
Iscriviti
X