QBE chiude l’anno a 1,970 miliardi

A
A
A
Avatar di Redazione 4 Marzo 2010 | 13:30
La compagnia assicurativa australiana ha chiuso l’esercizio 2009 con una crescita dell’8% rispetto al 2008. Il risultato è…

QBE chiude l’esercizio con un utile netto di  1.970 milioni di dollari australiani – in crescita del 6% rispetto all’utile 2008 – e un ROE del 18,4% (vs 20,9% nel 2008).

 

La compagnia assicurativa che in Italia è guidata da Piero Asso (nella foto) ha messo in luce che sul risultato del 2009 hanno inciso alcuni fattori strettamente legati alla volatilità dei mercati e alla flessione dell’attività economica internazionale, in particolare come: sinistri direttamente attribuibili alla crisi finanziaria internazionale per 144 milioni di dollari australiani (vs i 200 milioni dell’esercizio 2008); rivalutazione delle proprietà immobiliari – soprattutto negli Stati Uniti – per un valore di 50 milioni dollari australiani;  minori ritorni sul portafoglio degli investimenti liquidi e a tasso fisso, che hanno influenzato negativamente il rendimento complessivo degli investimenti per un totale di 300 milioni di dollari australiani; utili per 70 milioni di dollari australiani generati dal parziale riacquisto di titoli di debito di QBE (vs i 303 milioni dell’esercizio 2008) e plusvalenze, realizzate e non, sul patrimonio per 97 milioni di dollari australiani (rispetto a una perdita netta pari a 554 milioni di dollari del 2008)

 

I premi lordi totali sottoscritti sono cresciuti del 10% e sono stati pari a 13.455 milioni di dollari australiani. Anche i premi netti di competenza hanno registrato un incremento del 10% raggiungendo i 12.149 milioni. Il COR di QBE (rapporto sinistri/premi di competenza comprensivo delle commissioni e delle spese) si è attestato all’89,6%, rispetto all’88,5%% del 2008. Positivo inoltre l’utile operativo sui premi netti, che è risultato pari al 17%. In conseguenza dei minori rendimenti degli investimenti, l’utile operativo sui premi netti è stato veicolato al sostegno degli impegni assunti dal Gruppo verso gli assicurati, dopo che sono stati registrati risparmi significativamente minori sugli accantonamenti per i sinistri degli anni precedenti e un impatto dello 0,6% per un aumento prudenziale dei sinistri dormienti.

 

Frank O’Halloran, Chief Executive Officer di QBE Group, ha dichiarato: “Per il quinto anno consecutivo, il COR del Gruppo QBE, nel 2009, si è mantenuto inferiore al 90%. La maggioranza dei nostri prodotti e i 47 Paesi in cui operiamo superano del 15% i requisiti minimi di ROE. La gestione scrupolosa e attenta della liquidità e degli investimenti a tasso fisso, inoltre, ci ha consentito di raggiungere una performance complessiva degli investimenti soddisfacente, senza compromettere alcune delle nostre security.”

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza finanziaria: perché una polizza assicurativa è un ottimo regalo di Natale

Polizze assicurative, ecco cosa gli italiani cercano davvero

MetLife: l’assicurazione si fa in realtà virtuale

NEWSLETTER
Iscriviti
X