Fideuram, si colloca il 50-60%. Solo metà destinato all’Italia

A
A
A
di Redazione 8 Marzo 2010 | 09:30
Dei 750-900 miilioni di euro circa 400 saranno rivolti al mercato straniero. E per Fideuram Vita…

di Elena Bonanni

Chiuso il caso Crédit Agricole, a Ca’ De Sass si lavora ora sul prospetto di quotazione di Banca Fideuram. Che dovrà essere pronto entro metà marzo se l’obiettivo è approdare a Piazza Affari a giugno. Molto, è chiaro, dipenderà dall’andamento dei mercati.
Ed è per questo che gli analisti alla fine ritengono che l’operazione slitterà al secondo semestre. Il team al lavoro è corposo. Otto banche tra italiane ed estere seguiranno il collocamento: Banca Imi e Merrill Lynch come global coordinator e ioint bookranner, affiancate da Goldman Sachs e Deutsche Bank (come joint bookranner) mentre JpMorgan, Bnp Paribas, Royal Bank of Scotland e Hong Kong Shanghai Bank dovrebbero essere i co-lead manager. Advisor rispettivamente di Intesa e Fideuram sono Banca Leonardo e Lazard; Akros è banca sponsor; in campo anche McKinsey e lo studio legale Chiomenti. Su cosa si ragiona?
In primo luogo sull’ampiezza dell’offerta. Secondo quanto risulta a SOLDI, le banche sono orientate su una forchetta di collocamento tra il 50-60%, percentuale inferiore alle ipotesi iniziali del 70% ma che permetterebbe comunque di de-consolidarne i conti dal bilancio di gruppo (con impatto positivo per Intesa sul core tier). Uno dei punti principali per definire l’offerta (Opv) è poi la quota da destinare al retail, che avrà come suo naturale e forte collocatore la stessa Banca Fideuram. Al pubblico indistinto, secondo quanto emerge, dovrebbero essere destinate azioni per circa 400 milioni di euro dei 750 – 900 da collocare in Italia. L’altra metà verrà raccolta all’estero. Il controvalore complessivo dell’operazione è tra 1,5 miliardi e 1,8, corrispondenti a una valorizzazione del 100% di 3 miliardi di euro. È già deciso, infatti, che la rete andrà in Borsa a perimetro attuale. Questi i numeri della banca-rete: masse in gestione per 69 miliardi di euro, 630.000 clienti, 1.500 dipendenti, 327 uffici private banker e 97 filiali e 4.309 promotori. Niente Fideuram Vita (700 milioni di valore), quindi, come si era ipotizzato nei mesi passati. D’altra parte, la società assicurativa è controllata al 100% direttamente da Intesa Sanpaolo ed è un’eredità della mancata quotazione di Eurizon (l’asset management di Intesa). A Ca’ de Sass sono in corso riflessioni anche sul futuro di questa controllata (e non è escluso il conferimento di parte delle quote a Banca Fideuram prima della quotazione).
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Illimity, la svolta bancaria

Azimut, alleanza con Passera

Passera in Borsa: per Illimity 280 milioni di utili nel 2023

NEWSLETTER
Iscriviti
X