Ritorno all’utile per Fortis

A
A
A
Avatar di Redazione 10 Marzo 2010 | 10:30
Il gruppo assicurativo ha chiuso il 2009 con utili per 1,19 miliardi di euro, dalla perdita di 28 milioni del 2008. L’ad Bart De Smet: “ad oggi il mercato non è prevedibile”.

Ritorno all’utile per Fortis Holding. Il gruppo assicurativo belga, nato dallo scorporo di Fortis tra i governi del Benelux e Bnp Paribas (cui fanno attualmente capo le attività bancarie), ha chiuso il 2009 con 1,19 miliardi di euro di utili, leggermente al di sopra del consensus (che indicava profitti per 1,18 miliardi) e in crescita rispetto alla perdita di 28 milioni registrata nel 2008.

Positiva la reazione della borsa, che questa mattina sta premiando il titolo con un rialzo del 2,3% a 2,7 euro.

Le attività di assicurazione hanno registrato utili in crescita a 456 milioni (da 6 milioni nel 2008), di cui 366 milioni provenienti dalla divisione belga Ag Insurance e 90 milioni dalle attività internazionali. Il vita ha beneficiato del recupero di settore, mentre la debole performance del danni risente della crescita degli esborsi in Belgio e Regno Unito.

Sull’andamento del settore, l’ad Bart De Smet non ha nascosto che il mercato, “ad oggi”, rimane “non prevedibile e stimolante”. Quanto alla gestione del rischio, De Smet ha fatto sapere che il gruppo ha ridotto l’esposizione a bond greci (da 5 a 3,5 miliardi di euro) e italiani.

Fortis proporrà all’assemblea degli azionisti un dividendo di 0,08 euro per azione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, la spinta assicurativa passa dal multiramo

Record polizze: “Così è la Vita”

Consulenti finanziari, gli Etf possono essere la svolta per il portafoglio dei clienti

NEWSLETTER
Iscriviti
X