Promotori finanziari – Montigny tra gli indagati di Mediolanum

A
A
A
di Redazione 10 Marzo 2010 | 15:15
Tra i 50 promotori finanziari di Mediolanum indagati dalla procura di Milano ci sarebbe anche il genero di Ennio Doris, Oscar di Montigny. L’ipotesi di reato è frode fiscale.

Ci sarebbe anche Oscar Di Montigny, tra i 50 promotori finanziari di Mediolanum indagati dalla procura di Milano. E’ quanto riporta quest’oggi l’agenzia di stampa Reuters, che cita fonti investigative. Montigny, responsabile dell’area sviluppo rete e ad di Mediolanum Corporate University, è il genero dell’ad del gruppo Ennio Doris. L’ipotesi di reato a suo carico è di frode fiscale. Un portavoce di Mediolanum ha rimandato alla nota diffusa il 1 febbraio scorso, nella quale la banca ha dichiarato la propria “assoluta estraneità” alla vicenda.

L’inchiesta, condotta dal pm Roberto Pellicano, è nata a seguito della documentazione trovata durante la perquisizione dell’immobile del consulente finanziario Giovanni Guastalla, indagato per riciclaggio e associazione a delinquere in uno dei filoni di inchiesta della Procura di Milano su Banca Italease.
Secondo le ipotesi dell’accusa Guastalla avrebbe emesso fatture per 10 milioni di euro a favore dei promotori finanziari di Mediolanum per operazioni inesistenti. Il commercialista dei promotori risulta Marco Baroni, il quale aveva un contratto di consulenza con Mediolanum per i suoi pf.
Dopo l’iscrizione al registro degli indagati dei 50 promotori, Mediolanum ha deciso di avviare a sua volta un’inchiesta interna per riscontare l’effettiva irregolarità commessa dai propri dipendenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

“Io, Ennio Doris e quella volta ad Arcore”

Ennio Doris (Banca Mediolanum): “Fusione tra banche? Sì ma per gli altri”

NEWSLETTER
Iscriviti
X