Banche – Raccolta in assestamento e meno bond

A
A
A
di Redazione 17 Marzo 2010 | 14:30
In ripresa gli impieghi bancari, mentre la raccolta subisce un assestamento con un tasso di crescita dell’8,4%. A renderlo noto è ABI che nel Rapporto sugli andamenti finanziari e creditizi sottolinea che le sofferenze…

Ripresa per gli impieghi bancari e per la raccolta da parte delle banche. Il consueto report mensile pubblicato da ABI sugli andamenti finanziari e creditizi, che mette in evidenza una lieve ripresa degli impieghi bancari nel mese di febbraio 2010 con una crescita dell’1,2% che si confronta con l’1% di gennaio 2010 e il 3,5% di febbraio 2009. 
 

Il flusso netto di nuovi finanziamenti ha registrato 18 miliardi, con una crescita dei prestiti alle famiglie dello 0,8% pari a 1.350,5 miliardi di euro, contro un aumento dello 0,2% di gennaio 2010 e il 3,1% di febbraio 2009. Aumentano in particolare gli impieghi a medio e lungo termine( 3,9%) mentre quelli a breve segnano una flessione del 6,4% nel comparto a un anno. Il tasso medio sui prestiti e’ risultato del 3,70%, il valore piu’ basso mai registrato, 5 punti base al di sotto di quanto segnato nel mese di gennaio 2010 e 148 punti base in meno rispetto a febbraio 2009. 

 

Per quanto riguarda invece la raccolta questa ha registrato un assestamento con un tasso di crescita dell’8,4% che si confronta con il 9,5% di gennaio 2010 e l’11,5% di febbraio 2009. Piu’ in particolare la raccolta bancaria e’ risultata pari a 1.977,5 miliardi. Anche i depositi da clientela residente hanno registrato un tasso di crescita tendenziale del 9,6% (+8,8% a gennaio 2010, e 6,9% a febbraio 2009). In aumento le obbligazioni delle banche solo del 6,7% contro il 10,4% di gennaio 2010 e il 18,7% di febbraio 2009. In assestamento anche la remunerazione sulla raccolta: 0,65%, un punto base al di sotto di gennaio, che si confronta con un tasso dell’1,47% di febbraio 2009.

 

Per quanto riguarda invece le sofferenze, esse non si arrestatno. A gennaio 2010 hanno raggiunto i 60 miliardi con una crescita di 850 milioni in più rispetto a fine 2009 e di 17,5 miliardi rispetto a gennaio 2009: la variazione annua è del 41,4%. In rapporto agli impieghi si registra una forte crescita al 3,3% rispetto al precedente 2,4%. Al netto delle svalutazioni le sofferenze sono risultate di 33,9 miliardi, circa 2 miliardi in meno rispetto a fine 2009, e 12 miliardi in piu’ rispetto a gennaio 2009, con una variazione annua del 55%. 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Anasf, Conte all’evento di ABI

Abi ancora sotto la guida di Patuelli

Credem, invito a palazzo

NEWSLETTER
Iscriviti
X