Forbes, costruito attorno a Doris

A
A
A
di Giacomo Berdini 22 Marzo 2010 | 13:00
Ennio Doris è il settimo uomo più ricco d’Italia, con 1,4 miliardi di dollari di patrimonio personale.

È il settimo uomo più ricco d’Italia dopo la famiglia Benetton, a capo della Banca “costruita intorno a te”, con un patrimonio personale che supera gli 1,4 miliardi di dollari, posizionandolo al 536esimo posto tra gli uomini più facoltosi del globo.

Ma si, stiamo parlando proprio di lui, il Cavaliere Ennio Doris, fondatore e capo esecutivo della Mediolanum, che ha iniziato la sua carriera come consulente finanziario presso Fideuram nel 1969.
Nel 1971 è entrato a far parte della Dival (gruppo RAS) dove presto diventa il capo di un gruppo di 700 promotori finanziari. Nel 1982 fondò una sua società, la “Programma Italia”, convincendo poi l’imprenditore milanese Silvio Berlusconi ad investire una cifra che al tempo corrispondeva a circa 250.000 euro, in cambio della comproprietà di mezza società.

Sotto la sua guida carismatica la rete di promotori cresce rapidamente, come pure il fatturato dell’azienda. All’attività originaria si aggiunge anche quella di assicuratore (vita e danni) e di banchiere. Nel giugno del 1996 l’azienda, rinominata appunto Mediolanum, viene quotata nella Borsa Italiana.
Silvio Berlusconi
l’ha definito “il più bell’investimento che io abbia mai fatto”. Nel 2002 Doris è stato nominato Cavaliere del Lavoro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

“Io, Ennio Doris e quella volta ad Arcore”

Ennio Doris (Banca Mediolanum): “Fusione tra banche? Sì ma per gli altri”

NEWSLETTER
Iscriviti
X