Cariparma, utili in crescita del 5,4%

A
A
A
di Redazione 24 Marzo 2010 | 16:15
L’istituto chiude l’anno con 311 milioni di risultato netto, raccolta e impieghi in aumento e un Tier 1 al 7,5%. Il presidente Fassati: “Con gli sportelli di Intesa saremo il settimo gruppo italiano”.

Utile in crescita del 5,4% per Cariparma FriulAdria, che oggi ha riunito il Cda per approvare i conti 2009. Il gruppo, facente capo al Crédit Agricole, ha chiuso l’anno con un risultato netto di 311 milioni di euro, raccolta e impieghi in aumento e un Tier 1 al 7,5%. Il cost/income ratio è sceso dell’1% al 56,4%, mentre il patrimonio netto è pari a 3,7 miliardi (+2%). 

I risultati sono relativi a un perimetro composto anche da Banca Popolare FriulAdria e Crédit Agricole Leasing Italia, consolidate integralmente, da Crédit Agricole Vita e CA Agro-Alimentare.

Crescono le masse intermediate, con crediti verso la clientela per 28,9 miliardi di euro (+5,5%), una raccolta diretta di 29,2 milioni (+10,5%) e masse amministrate che si attestano a 72,8 miliardi di euro, con una generazione di nuove masse per oltre 6,5 miliardi di euro (+9,9%). In calo gli oneri operativi (-4,6%), mentre il ratio impieghi clientela/raccolta clientela è pari allo 0,99. L’istituto ha infine aumentato i crediti alle imprese (+33,4%).

“Il gruppo – ha spiegato il presidente Ariberto Fassati – ha proseguito il proprio percorso di sviluppo e consolidamento ottenendo risultati ampiamente soddisfacenti. Nel 2009 si è conclusa una prima fase che ha visto il completamento del processo di integrazione delle piattaforme Cariparma e FriulAdria e l’intensificazione dei rapporti con le società prodotto di Crédit Agricole. Il perimetro del Gruppo si è ulteriormente allargato con l’acquisizione dell’85% del capitale di Calit, la società di leasing di Crédit Agricole in Italia. Si apre ora una nuova fase di sviluppo e il Gruppo è pronto a compiere un ulteriore passo che posizionerà la banca, grazie all’acquisizione degli sportelli da Intesa Sanpaolo, tra le prime sette in Italia avvicinandosi ai 1000 punti vendita”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Cariparma, Consob approva i supplementi per le Opa

Crc, Carim e Carismi, ok alla fusione in CA Cariparma

Illa: sbarco in borsa sottotono, ma è comunque storia a lieto fine

NEWSLETTER
Iscriviti
X