Banco popolare ritorna all’utile

A
A
A

Nonostante un ultimo quarter in rosso, il risultato annuale di 267 milioni di euro rappresenta un ritorno all’utile rispetto ai deflussi per 333,4 milioni del 2008.

di Redazione31 marzo 2010 | 08:45

Il Consiglio di Gestione del Banco Popolare ha approvato il progetto della relazione finanziaria annuale 2009 che comprende il bilancio d’esercizio e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2009.
Il gruppo Banco Popolare ha chiuso il 4° trimestre con una perdita di 32,9 milioni di euro ma, per quanto riguarda l’intero 2009, il risultato d’esercizio è positivo per 267 milioni contro un rosso di 333,4 milioni dell’anno precedente.

La raccolta diretta al 31 dicembre 2009 raggiunge i 105,2 miliardi e le masse raccolte, escludendo i 7,3 miliardi apportati da Italease, segnano una crescita del 5,1% rispetto a inizio anno. La crescita rispetto alla fine del terzo trimestre è pari al 4,5% mentre la raccolta indiretta ammonta a 77,2 miliardi registrando una crescita del 2,8% rispetto a fine 2008.

Il margine di interesse si attesta a 1.991,2 milioni. Escludendo il contributo di Italease pari a 38,5 milioni ammonta a 1.952,7 milioni, in calo del 12,8% rispetto ai 2.240,2 milioni rilevati nell’esercizio 2008.
Il Gruppo, al 31 dicembre 2009, presenta un Core Tier 1 ratio pari al 6,2%, un Tier 1 ratio del 7,7% ed un Total capital ratio del 10,8%, tenendo conto della proposta di distribuzione di un dividendo ordinario per azione pari a 8 centesimi e dei 51,7 milioni da corrispondere ai Tremonti bond per il periodo 31 luglio 2009 – 31 dicembre 2009.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Con Consob per parlare di banca e finanza

Deutsche Bank: occhio a chi ne sfrutta illecitamente il marchio

Unicredit, svolta di Mustier: resterà da sola per 3/4 anni

Pressioni commerciali, il vero pericolo è nelle reti

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Intesa Sanpaolo sceglie la blockchain

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Bluerating Awards: il videomessaggio di Foti ai consulenti

Fideuram ISPB, Longo guiderà l’hub svizzero

Private Banking Awards, ecco i premiati

Private banking, la grande onda è in arrivo

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Manovra, le banche rimbalzano in borsa

Mediolanum, Doris passa il testimone ai figli

MCU, un nuovo viaggio attraverso la luce

Grossi per l’innovazione digitale di Credem

Esuberi e pressioni commerciali in banca, i sindacati in allarme

Spread, Abi lancia l’allarme

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Widiba, la tutela patrimoniale è on the road

Il “terzo incomodo” concorre alla radiazione di un ex Mediolanum

Fideuram, l’utile è in calo

Ti può anche interessare

L’inutilità delle fusioni bancarie

Per Lando Maria Sileoni, segretario generale di Fabi, non c'è più bisogno di aggregazioni. Il sist ...

Bluerating Awards, i cf in gara di Banca Euromobiliare

Nome per nome, tutti i 5 cf della rete del gruppo Credem che saranno in competizione in cinque categ ...

Consulenza, l’indecisione fa male al portafoglio

Uno dei requisiti di una buona performance, oltre ovviamente a una buona valutazione delle opportuni ...