Forbes, l’oracolo di Omaha

A
A
A

È il fondatore della Buffet Partnership e proprietario della Berkshire Hathaway il terzo uomo più facoltoso del mondo, con un patrimonio di circa 47 miliardi.

Avatar di Giacomo Berdini1 aprile 2010 | 10:30

È Warren Edward Buffett, dell’Omaha USA, nato 30 agosto 1930, il terzo uomo più ricco del mondo secondo Forbes, con un patrimonio personale di circa 47 miliardi di dollari.

Buffet è un imprenditore statunitense, soprannominato l’oracolo di Omaha.
Dopo essersi laureato alla Columbia Business School, torna alla sua città natale dove fonda i suoi uffici, sposandosi poi presto, nel 1951. Fin da giovanissimo si dedica agli investimenti azionari; leggenda vuole che abbia investito i suoi risparmi già a 11 anni e che a 14 anni comprò un appezzamento di terreno che affittava ai pastori locali. Poi durante il periodo universitario comincia a gestire il patrimonio di amici e parenti, fondando la Buffett Partnership, un fondo d’investimento con il quale applica le strategie d’investimento insegnate da Benjamin Graham, dette del Value investing, cioè la ricerca di titoli sottovalutati da comprare e tenere per lunghissimi periodi.

Attraverso questa modalità d’investimento, Buffett acquisisce importanti partecipazioni in colossi come Coca Cola, Gillette, McDonald’s, Kirby Company e Walt Disney. Successivamente, decide di rendere pubblica la Buffett Partnership fondendola con una società tessile quotata, la Berkshire Hathaway. Secondo la classifica Condé Nast è il sedicesimo miglior manager di tutti i tempi.

La sua attività finanziaria di alto livello inizia a partire dal 1962, anno in cui comincia ad acquistare partecipazioni della Berkshire Hathaway, industria tessile in declino, di cui prenderà il controllo qualche anno dopo. Con la Berkshire Hathaway comincia ad acquistare aziende sottovalutate nei più variegati settori, dai servizi all’industria, dalle assicurazioni alla biancheria, passando per società che offrono proprietà frazionata di jet privati; infine acquisisce la Mid American Holding nel settore energia e inizia così ad investire in tubifici.
Con la Berkshire Hathaway, nel 1967 acquisisce due compagnie assicurative: la National Fire and Marine Insurance Company e la National Indemnity Company. Il settore delle assicurazioni conquista sempre più spazio all’interno della holding di Buffett, così dal 1985 abbandona definitivamente il settore tessile per dedicarsi esclusivamente a quello assicurativo. Oggi Berkshire Hathaway è il più grande riassicuratore mondiale dopo la svizzera Swiss Re e la tedesca Munich Re.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Warren Buffett: il guru della finanza cresce nelle banche

Warren Buffett ha 100 miliardi da investire, ma esita

Warren Buffett compra Oncor (distribuzione di energia in Texas) per 9 miliardi

Ti può anche interessare

Banca Generali, uno sponsor a 5 stelle

Weekend di successo per Banca Generali in Svizzera. Dal 18 al 21 luglio, la banca guidata da Gian Ma ...

Ubs pagherà 111,5 milioni di Euro al Fisco per evasione fiscale

Ubs, principale banca svizzera, dovrà verserà al Fisco 111,5 milioni di euro per chiudere un co ...

Helvetia e BPP, partnership nel segno della bancassicurazione

Prosegue l’impegno di Helvetia Italia verso la centralità del canale bancario nella strategia ...