Bernanke, programma sostenibile sul debito pubblico

A
A
A
di Giacomo Berdini 14 Aprile 2010 | 14:00
Nel suo intervento al Congresso Usa, il presidente della Fed ha parlato di segnali incoraggianti da parte del mercato, anche se c’è l’esigenza per gli Usa di approntare una correzione del deficit pubblico.

Ben Bernanke, presidente della Fed, nella sua audizione al Commissione economica del Congresso Usa ha parlato di ”una ripresa moderata” che proseguirà ”nei prossimi trimestri”.
Secondo Bernanke ”I dati disponibili indicano che la crescita della domanda privata sarà sufficiente a promuovere una moderata ripresa economica”.

Il banchiere centrale afferma inoltre la reale esistenza di ”segnali incoraggianti dal mercato del lavoro, ma ci vorrà un tempo significativo prima di riassorbire gli 8 milioni e mezzo di posti di lavoro persi negli ultimi 2 anni”, dichiara.
Dalla Fed risulta confermata la previsione di una crescita dell’inflazione moderata, mentre resta critica la situazione del real estate, sia per quanto riguarda il settore residenziale che commerciale.

Infine il numero uno della Federal Reserve rivolge qualche parola al debito pubblico, ammettendo di avvertire per il Paese il “bisogno di un programma sostenibile sul bilancio pubblico”.
Bernanke si è mostrato dunque favorevole ad una correzione nell’andamento del deficit pubblico Usa: ”Un piano credibile avrebbe benefici anche di breve termine. Rimandare le scelte renderebbe tutto più difficile”.
Il presidente ha poi rassicurato  i convenuti in merito ai processi di monetizzazione del debito pubblico, che puntano sulla crescita dell’inflazione per diminuire il valore reale del debito: ”Non monetizzeromo il debito pubblico”, afferma Bernanke, “dobbiamo assicurare la stabilità dei prezzi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X