Mossa è il nuovo a.d. di Banca Generali

A
A
A
di Marco Muffato 20 Marzo 2017 | 18:46
Lo ha nominato oggi il Cda. Il manager manterrà anche la carica di d.g.

Il Consiglio di amministrazione di Banca Generali, riunitosi oggi sotto la presidenza di Giancarlo Fancel, ha nominato quale nuovo amministratore delegato Gian Maria Mossa (nella foto) già direttore generale della banca dal marzo 2016. Mossa è stato cooptato nel Cda subentrando a Giovanni Luca Perin, che ha lasciato per impegni legati ad ulteriori incarichi nel Gruppo Generali. Mossa, 42 anni, vanta una grande esperienza nel settore finanziario avendo ricoperto rilevanti ruoli in primari gruppi assicurativi e bancari italiani ed internazionali. Mossa è entrato in Banca Generali nel luglio del 2013 con la carica di condirettore generale a diretto riporto dell’allora A.d. Piermario Motta, contribuendo a rafforzare il posizionamento strategico nel private banking e a ridisegnare l’offerta di prodotti e servizi su livelli di eccellenza per l’intera industry.  Il Consiglio ha conferito a Mossa la carica di amministratore delegato attribuendogli le deleghe esecutive conformemente a quanto previsto dallo Statuto sociale. Manterrà inoltre il ruolo di direttore generale.  Il Consiglio, sulla base delle dichiarazioni rese, ha accertato in capo a Mossa il possesso dei requisiti previsti dalla normativa applicabile alle imprese bancarie e l’insussistenza del requisito di indipendenza, così come definito dall’articolo 3 del Codice di Autodisciplina delle società quotate e dall’articolo 147-ter del TUIF. Il Consiglio ha accertato inoltre l’insussistenza, allo stato attuale, di situazioni di decadenza, ai sensi dell’ articolo 36 della Legge 22 dicembre 2011, n. 214, in capo al nuovo amministratore. Al 20 marzo il neo a.d. possiede 11.893 azioni Banca Generali. ll Consiglio di Amministrazione ha inoltre deliberato di proporre all’Assemblea il rilascio dell’autorizzazione a procedere all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie (previa revoca della delibera in essere, per la parte non eseguita), al servizio dei piani di incentivo e fidelizzazione del management e della rete, che saranno sottoposti all’assemblea degli azionisti. I termini e le condizioni dei predetti piani, ai sensi dell’articolo 114-bis del Decreto Legislativo 58 del 24 febbraio 1998, sono illustrati nei rispettivi documenti informativi di cui all’ articolo 84-bis del Regolamento Emittenti Consob, che saranno messi a disposizione del pubblico nei termini di legge.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, la sostenibilità a misura di consulente (e cliente)

Procapite, Banca Generali si riprende il trono

Banca Generali, a colloquio col rettore

NEWSLETTER
Iscriviti
X