Il bond di Azimut fa il pieno in un giorno

A
A
A
di Andrea Telara 23 Marzo 2017 | 08:55
Chiuso il collocamento del prestito obbligazionario a 5 anni da 350 milioni di euro. Raccolte rihieste da 200 investitori qualificati per 1,2 miliardi. Tasso fisso al 2%.

OPERAZIONE FATTA – Azimut Holding ha chiuso il collocamento presso gli investitori qualificati del prestito obbligazionario inaugurale senior unsecured a tasso fisso la cui emissione era stata annunciata il 21 marzo 2017 (vedi qui la notizia). L’operazione raccolto la domanda di ben 200 investitori istituzionali coinvolti globalmente, ed un order book di circa 1,2 miliardi di euro, prevalentemente dall’Italia, dall’Europa continentale, da Regno Unito e dall’ Irlanda. L’allocazione per tipologia di investitori è composta da asset manager, banche, private banks, assicurazioni e fondi pensione. Il prestito obbligazionario ha un valore pari a 350 milioni di euro, una cedola a tasso fisso pari a 2%, una durata di 5 anni con scadenza 28 marzo 2022 e un rating previsto di BBB (Stabile) dall’agenzia di rating Fitch Ratings Inc. Le obbligazioni verranno quotate presso il Luxembourg Stock Exchange.

I proventi dell’emissione del prestito obbligazionario potranno essere utilizzati per la propria attività e per finanziarie potenziali operazioni straordinarie, inclusi possibili riacquisti di equity instruments (azioni proprie) della società al momento in circolazione o per rimborsare parte dell’indebitamento oppure per finanziare il riscadenziamento e la composizione dell’indebitamento a lungo termine della società, inclusa una possibile offerta di acquisto relativa al 250 milioni di euro di bond subordinati con scadenza nel 2020. L’esatta tempistica e i termini di tale possibile riacquisto o dell’offerta di riacquisto dipenderanno da diversi fattori come l’approvazione dei termini da parte della società, le condizioni generali di mercato e il prezzo di negoziazione degli equity instruments oggetto di riacquisto. Banca Imi e J.P. Morgan agiscono in qualità di Managers per il Prestito Obbligazionario. I profili di diritto italiano, inglese e statunitense sono seguiti da Latham & Watkins per Azimut mentre i profili di diritto italiano e inglese sono seguiti da Allen & Overy per i manager. Lo studio tributario Biscozzi Nobili ha assistito la società per la parte fiscale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, il venture capital punta a sud-est

Azimut, il migliore private & wealth management

Azimut, un nuovo accordo a tinte verdeoro

NEWSLETTER
Iscriviti
X