Il giro di valzer del promotore

A
A
A
Avatar di Redazione 24 Maggio 2010 | 10:00
Cresce la domanda di consulenza. La partita è cominciata tra fee e conflitto d’interessi

di Massimo Arrighi

Il promotore finanziario è stato spesso percepito dal sistema finanziario come un collocatore puro. I clienti invece hanno sempre mostrato un alto livello di soddisfazione verso le reti, ma qualcosa è cambiato dopo le perdite collegate alla crisi e oggi si assiste a un calo nel margine di fiducia anche verso i promotori. Si prospettano quindi un riposizionamento strategico per accogliere la crescente domanda di consulenza avanzata e nuove sfide per il settore, che deve risolvere alcuni interrogativi:
– Quanta parte dei ricavi spostare verso forme di consulenza?
– Quale modello di pricing adottare?
– Quanta parte del portafoglio allocare in architettura aperta, attenuando i conflitti di interesse?
– Quale livello di personalizzazione adottare per i vari segmenti, in termini di piattaforme IT e risorse dedicate?
In Italia, l’incidenza della consulenza rispetto agli asset del risparmio gestito e ai ricavi è ancora minima; le opportunità di crescita sono però evidenti e infatti emergono nuovi operatori. Per le reti, i principali competitor sono:
– I Family Office e le boutique di Private Banking altamente specializzate e in larga parte internazionali. Mirati agli High Net Worth Individual, offrono un approccio personalizzato, inclusa la gestione di asset non finanziari. I consulenti finanziari indipendenti organizzati in SIM di distribuzione. Spesso ex promotori, per promuoversi presso i clienti fanno leva sull’uscita dalle logiche commerciali captive delle reti, dunque sull’assenza di conflitto di interessi. Sono particolarmente attivi su Affluent e piccoli investitori istituzionali (esempio: piccole amministrazioni locali).
Per la consulenza avanzata a pagamento, si prospettano due logiche di pricing diverse: quella On top fee (adottata per esempio da Fideuram) e quella Fee only (tipica di Fineco). La differenza fondamentale è che la prima non prevede la retrocessione delle commissioni pagate dalle SGR. Questo modello non elimina del tutto il potenziale conflitto di interessi, poichè è la rete a trattenere le commissioni, tuttavia il rischio è decisamente attenuato grazie alle piattaforme aperte e al meccanismo di calcolo delle fee, misurate sugli asset totali, a prescindere dalla composizione del portafoglio. Il secondo modello, invece, retrocede al cliente i rebate, ma implica delle advisory fee generalmente più alte.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X