Identità della Cooperazione

A
A
A

Banche solide, responsabili ed equilibrate. È questa la ricetta.

di Redazione31 maggio 2010 | 10:45

di Giuseppe de Lucia Lumeno

o scorso aprile l’Associazione Nazionale fra le Banche Popolari ha partecipato alla IV Convention Europea della Cooperazione Bancaria, tenutasi a Bruxelles presso la sede del Parlamento Europeo alla presenza di oltre 200 delegati. L’evento è stato organizzato con diversi obiettivi: aumentare il grado di conoscenza presso le istituzioni europee riguardo le tematiche e le prospettive di sviluppo del movimento della Cooperazione Bancaria continentale, evidenziare il ruolo anticiclico e stabilizzatore che ha svolto durante i mesi della crisi, esaminare il contributo che può fornire all’economia europea nei prossimi mesi in cui sarà necessario rafforzare i segnali della crescita e valutare i vari aspetti applicativi della delicata questione delle misure di rafforzamento del capitale delle banche contenute nel pacchetto Basilea 3. Nell’aprire i lavori il Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella, ha evidenziato come la Cooperazione Bancaria europea e, in Italia, le Banche Popolari e cooperative, siano state capaci di sostenere costantemente e senza esitazioni il tessuto produttivo nei momenti più difficili della congiuntura. Tutti i settori economici risentono ancora oggi degli effetti negativi della crisi e l’Europa è chiamata a fornire risposte chiare e soprattutto concrete su due delicate sfide che si approssimano all’orizzonte: la regolamentazione dei mercati finanziari e, contemporaneamente, le prospettive di ripresa dell’economia reale. I numerosi relatori politici intervenuti hanno espresso la ferma volontà del Parlamento Europeo di impegnarsi nella definizione di una nuova struttura regolamentare che sia in grado di operare in modo unitario rispetto ai gruppi bancari cross-border e di acquisire poteri più incisivi di intervento in caso di crisi. In tale contesto la Cooperazione Bancaria europea assume il ruolo determinante di stabilizzatore del sistema, essendo fin qui riuscita a mantenere ed a rafforzare, in tutti i Paesi, il legame con il territorio e le comunità locali, puntando su un’attività di credito a favore delle famiglie e delle piccole e medie imprese e diventando sempre di più un punto di riferimento per le economie del territorio.
Il rapporto diretto con la clientela delle Banche Popolari e cooperative, improntato sulla fiducia reciproca, ha consentito di implementare ulteriormente quelle conoscenze essenziali necessarie per una corretta valutazione del rischio nella concessione di prestiti, in un mercato che negli ultimi anni, durante la crisi, ha manifestato, a volte, comportamenti eccessivi di diffidenza e di prudenza. La capacità degli istituti della Cooperazione Bancaria di reagire con efficacia ad una congiuntura avversa, si deve principalmente alle specificità della loro governance, che ha permesso di esercitare quella funzione sociale di sostegno e sviluppo delle famiglie e delle imprese, grazie a politiche finalizzate alla creazione di valore nel lungo periodo e ai capisaldi del modello cooperativo quali il voto capitario, la struttura diffusa dell’azionariato e l’applicazione dei principi di democrazia economica.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

La Consob sanziona una società abusiva

Provvedimento ai danni della Profitier Ltd e della sua amministratrice Vanessa Marie-Antonie Paget. ...

Widiba prende Corrado da Fideuram

La squadra di William De Rose, area manager Campania, si arricchisce di un professionista di ampia ...

Consulenti, conto alla rovescia per il nuovo regolamento Consob

Si chiude il 30 settembre la consultazione Consob sulle modifiche al libro VIII del Regolamento Inte ...