Allarme liquidità in Spagna

A
A
A
di Redazione 15 Giugno 2010 | 07:30
Ieri lo stesso ministro del Tesoro spagnolo ha ammesso che alcune banche iniziano a mostrare seri problemi di liquidità per le difficoltà incontrate sul mercato interbancario. Intanto…

Ora le preoccupazioni si spostano sulla Spagna. Dopo le preoccupazioni che hanno riguardato la Grecia e il piano di salvataggio per evitarne default, sembra che l’Europa non posso dormire sonni tranquilli.

Ora l’attenzione si sposta sulla Spagna e sulle difficoltà legate al settore bancario. Ieri lo stesso ministro del Tesoro spagnolo ha ammesso che alcune banche iniziano a mostrare seri problemi di liquidità per le difficoltà incontrate sul mercato interbancario. Ad aumentare l’incertezza legata al fatto che la Spagna possa essere in grado di reggere tale situazione è anche il fatto che il differenziale con il bund tedesco ha superato quota 200.

Oggi tra l’altro sono in programma delle nuove emissioni, così come giovedì e il valore delle due aste è pari a 9,5 miliardi. Il debito pubblico continua ad essere un altro importante problema del governo di Madrid. Secondo uno studio della Bei il debito è di circa 600 miliardi di euro e di questi oltre 200 sono detenuti da banche francesi e 167 istituti tedeschi. 

Anche se l’Europa è pronta a intervenire. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha assicurato che «anche Madrid può usufruire dei fondi messi a disposizione dal piano salva-euro». Intanto anche sulla Grecia si addensano nuove nubi: Moody’s ha declassato di ben quattro gradini il debito di Atene, al livello junk (“spazzatura”). 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Italia: bene la crescita, ma ora va resa strutturale

Mercati, Italia: debito pubblico previsto ancora in crescita

Italia, debito stabile a 2.646 mld. Le stime per i prossimi mesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X