Assoreti, la raccolta è sempre in positivo

A
A
A
di Matteo Chiamenti 24 Giugno 2010 | 09:30
Maggio 2010: la raccolta netta delle reti di promotori finanziari è pari a 1,2 miliardi di euro; le risorse si concentrano su oicr esteri, fondi di fondi e unit linked; contributo delle reti all’industria dei fondi sempre positivo; in ripresa la componente amministrata.

Il dato rilevato da Assoreti indica nel mese di maggio una raccolta netta positiva per le reti di promotori finanziari pari a circa 1,2 miliardi di euro. La ripartizione tra i vari comparti evidenzia come l’81,2% delle risorse nette raccolte delle reti, pari a 947 milioni di euro, sia stato destinato nel loro insieme ai prodotti del risparmio gestito; la componente amministrata chiude il mese con un bilancio positivo per 219 milioni di euro.

Nel mese, la raccolta netta realizzata attraverso la distribuzione diretta di quote di OICR è stata complessivamente positiva per 726 milioni di euro. Si conferma la tendenza che vede gli OICR esteri in cima alle preferenze di investimento dei clienti delle reti, con una raccolta pari a 960 milioni di euro, e la prevalenza dei disinvestimenti dai fondi di diritto italiano, per i quali si riscontra un deflusso netto pari a 542 milioni di euro. Rispetto al mese precedente, raddoppiano le risorse destinate ai fondi di fondi (315 milioni di euro), mentre i flussi netti di risorse destinate ai prodotti assicurativi e previdenziali, pari a 215 milioni di euro, si mantengono su livelli stazionari; positiva ma prossima allo zero la raccolta in gestioni patrimoniali (5 milioni di euro).

Il contributo complessivo delle reti al sistema di OICR, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, si è attestato, quindi, nel mese su un ammontare positivo pari a 1 miliardo di euro, rispetto ad un deflusso totale riscontrato dal sistema fondi per 3,5 miliardi di euro. Da inizio anno, il contributo delle reti è stato pari a 7,7 miliardi di euro, consentendo così all’industria dei fondi di chiudere i primi cinque mesi dell’anno con un bilancio positivo (3,7 miliardi di euro), nonostante i deflussi di risorse registrati dagli altri canali distributivi (-4 miliardi).

La raccolta in titoli torna positiva per un importo complessivo di 147 milioni di euro, con una prevalenza degli ordinativi di acquisto sulle vendite per le azioni, le obbligazioni ed i titoli di Stato; positiva, anche se contenuta, la raccolta in liquidità (72 milioni di euro). Il volume complessivo dell’operatività delle reti si è ripartito tra una raccolta lorda di 7,6 miliardi di euro per il risparmio gestito, un intermediato di 9,2 miliardi di euro per le transazioni in titoli e di 176 milioni di euro per gli altri prodotti e servizi. Il numero di promotori finanziari è stimabile a fine mese in 23.382 unità, delle quali 22.565 effettivamente operative.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Assoreti, la raccolta è sempre più bella

Assoreti: nella relazione 2020 la sintesi di un anno eccezionale

New Generation Plan, il resoconto dell’evento Assoreti

NEWSLETTER
Iscriviti
X