Dopo un primo semestre difficoltoso, come vi preparate ad affrontare l’estate?

A
A
A

In questi tempi, ad esempio, il focus dei mercati è da una parte sul debito, dall’altra sulla crescita. In Europa, in particolare…

di Redazione30 giugno 2010 | 15:45

Sarà anche vero, come predica Luca Caramaschi, responsabile del private wealth management di Deutsche Bank Italia, che con la crisi “è finita l’era del fai da te”, ma come lo stesso Caramaschi ammette “non si può vendere nulla a scatola chiusa. Ogni prodotto va “aperto” e ben spiegato” al cliente, così come occorre cercare di spiegargli in che fase di mercato ci troviamo o quali siano le variabili da tenere sott’occhio. In questi tempi, ad esempio, il focus dei mercati è da una parte sul debito, dall’altra sulla crescita. In Europa, in particolare, debito vuol dire emittenti sovrani del Sud Europa, come Grecia, Portogallo, Spagna e Italia.

 

Ma vuol anche dire esposizione al rischio-debito (dai semplici scossoni del mercato alle ipotesi estreme di default di qualche emittente e ristrutturazione del relativo debito) da parte, anzitutto, delle grandi banche e compagnie assicurative europee. Per questo la Ue, che ha scelto sotto la spinta tedesca di privilegiare la trasparenza e la ristrutturazione dei bilanci pubblici anche a costo di rischiare di frenare nuovamente la debole ripresina in atto, ha voluto imitare gli Stati Uniti e lanciare uno stress test dai cui risultati, che verranno ufficialmente annunciati attorno alla metà del mese prossimo, si spera possa emergere un quadro meno cupo del temuto circa la robustezza delle banche del vecchio continente.

 

L’argomento è delicato e così ogni segnale viene letto e interpretato dai mercati non una ma più volta, con una fragilità di nervi più che evidente, testimoniata ancora una volta dalla volatilità degli indici di borsa nella seduta odierna, apertasi poco sopra i livelli di ieri, salita ai massimi intraday grazie al minor ricorso al prestito a 3 mesi (all’1% fisso) della Bce da parte delle banche europee, poi scivolata in rosso dopo alcuni deludenti dati macroeconomici americani e all’ultimo nuovamente poco sopra i livelli di ieri, come a inizio giornata, grazie ad alcune ricoperture scattate sui minimi della seduta. Una fase decisamente da trader e da investitori avvezzi al rischio, più che da cassettisti o da investitori che il rischio non lo tollerano più che tanto. E se pensate che molti operatori non escludono una nuova fase orso dei mercati ben si capisce come si continui a camminare sulle uova.

 

In questa fase cosa vi consigliano le vostre mandanti? Sono impegnate a contenere eventuali disinvestimenti o provano a spingere prodotti dal profilo di rischio contenuto? O ancora preferiscono concentrare gli sforzi della propria rete verso prodotti assicurativi, o persino incoraggiare il “fai da te” come almeno in parte sembra fare, ad esempio, Fineco Bank? In generale al termine di un semestre non certamente facile, che ha visto il progressivo esaurirsi del rimbalzo dei listini vissuto per nove dei dodici mesi dello scorso anno, come vi state attrezzando in vista di un’estate che potrebbe rivelarsi turbolenta, prima dell’auspicata stabilizzazione e forse anche ripresa dei mercati in autunno? Inviate come sempre le vostre osservazioni e i vostri spunti qui


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le pagelline dei conti delle reti (quotate)

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Banche, quanti tagli alle filiali

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Ti può anche interessare

Commercialisti, riformulato e ripresentato l’emendamento salta-esame OCF

A sorpresa i senatori NCD hanno riproposto l’emendamento bocciato giovedì scorso accorpandolo a u ...

Congressi Anasf, i cf di Banca Mediolanum vincono in Veneto

Eletto anche Mario Ambrosi, presidente di Efpa Italia ...

Carichieti, è il momento della stangata

Dopo la liquidazione arriva la sanzione di Consob ...